RE 22/6/2012Greenvision Ambiente: Ladurner Finance lancia Opa a 6,61 euro/azione


REGGIO EMILIA 22 GIUGNO Si spegne quasi completamente la ex galassia Burani “quotata in Borsa”. Anche Greenvision Ambiente sarà delistata. Rimangono solo Bioera (con proprietà completamente diversa) e Antichi Pellettieri . La bolzanina Ladurner Finance ha infatti lanciato un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria (Opa) sulle azioni di Greenvision a un prezzo di 6,61 euro/azione.L’operazione, spiega una nota, riguarda 2.047.223 azioni ordinarie del valore nominale di 0,40 euro ciascuna, rappresentative del 34,947% del capitale sociale di Greenvision e pari alla totalita’ di 5.858.000 azioni, dedotte 2.775.777 azioni detenute dall’offerente; 500.000 azioni detenute da Igi Sgr; 535.000 azioni detenute da La Finanziaria trentina. Il prezzo stabilito per l’operazione e’ superiore a quello, pari a 5 euro/azione, al quale l’offerente ha acquistato azioni nell’ambito del contratto Greenholding del 19 giugno scorso. Il prezzo riconosce al mercato un premio del 19,46% circa rispetto al prezzo medio ponderato del titolo dell’ultimo anno, un premio del 13,69% circa rispetto al prezzo medio ponderato del titolo degli ultimi 6 mesi nonche’ un premio del 4,47% circa rispetto al prezzo ufficiale registrato al 18 giugno scorso. Il controvalore massimo complessivo dell’offerta, in caso di adesione totalitaria e di consegna di tutte le azioni in circolazione, e’ pari a 13.532.144,03 euro.Si prevede che l’offerta dovrebbe aver luogo tra i mesi di agosto e settembre 2012. L’offerente ha interesse ad adempire all’obbligo di offerta al fine di garantire a Greenvision uno stabile assetto proprietario quale presupposto per un concreto piano di rilancio. L’offerente intende perseguire la creazione di valore a medio-lungo termine per l’emittente supportando la strategia di Greenvision volta a consolidare la propria presenza nei settori Waste to Energy e Farm to Energy. Ladurner Finance ritiene che una ristretta base azionaria risponda meglio alle esigenze strategiche della societa’ e consenta maggiore rapidita’ e incisivita’ nell’attuazione di eventuali decisioni gestionali di ampia portata. Per questa ragione l’offerente intende procedere alla revoca delle azioni dell’emittente dalla quotazione.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet