ARGO TRACTORS CELEBRA I 20 VENT’ANNI DEL PROGETTO LIFE+


FABBRICO 21 MAGGIO Il gruppo Argo Tractors continua a crescere e batte la crisi puntando su innovazione & sostenibilità made in Italy : 430 milioni nel 2010, 479 nel 2011 e quasi 500 (496) nel 2012 come previsione. Sono i dati di fatturato consolidato annunciati da Valerio Morra presidente del gruppo Argo Tractors nel corso del meeting che si è svolto nello stabilimento di Fabbrico nel reggiano organizzato per sottolineare l’impegno green dell’azienda ‘tutta italiana’ che produce i trattori a marchio Landini, Mc Cormick e Valpadana.Un meeting di alto profilo che ha impegnato i manager impegnati nel progetto europeo Life+ (Alberto Baldazzi e Flaminio Ciroldi) .Ruggero Cavatorta ha presentato un gruppo che produce 24 mila trattori l’anno , solo per il 23% venduti in Italia che garantisce occupazione a 1600 dipendenti grazie a una forte presenza sui mercati esteri dove viene venduto il 67 % dei trattori. La produzione è concentrata in quattro stabilimenti: Fabbrico (60 trattori al giorno), Luzzara (20 trattori al giorno) ; San Martino in Rio (40 trattori al giorno) mentre alla Emmegi di Fabbrico si producono solo le cabine.Il progetto Life+ in Landini è mirato su nuovi bio-lubrificanti ecosostenibili “clash oil” da impiegare nel ciclo di produzione delle trasmissioni meccaniche.E la storia ulracentenaria continua visto che nel 2012 sono previsti investimenti per 22,6 milioni di euro.Ecco i “valori vincenti”.Argo Tractors, azienda storica che affonda le proprie radici nella pianura emiliana, zona d’elezione per la meccanica agricola, è simbolo di una tradizione fondata sulla vocazione e sull’affidabilità. Ma non solo, perché il polo trattoristico di Fabbrico spicca anche per flessibilità e adattabilità all’evoluzione dell’agricoltura e dei mercati.
I cambiamenti strutturali che hanno accompagnato Argo Tractors nel proprio sviluppo si affiancano, infatti, all’introduzione di nuovi valori e di una vision aziendale al passo con i tempi. Tra questi, oggi l filosofia Argo Tractors fa leva su concetti chiave che guardano al futuro:- Ecologia: L’attenzione all’ambiente è uno dei principali pilastri della filosofia aziendale, che da sempre pone l’aspetto ambientale ed ecologico al centro del proprio processo produttivo. Ne sono testimonianza il tempestivo adeguamento delle gamme di trattori alle nuove motorizzazioni green, tra le più evolute in tema di emissioni, di rendimenti e di consumi, ma anche il ciclo produttivo a bassa produzione di scarti e la raccolta differenziata che viene effettuata con la massima cura in tutti gli stabilimenti produttivi. Tra le più recenti iniziative, l’attuazione dell’innovativo progetto “Life +”, finanziato dall’Unione Europea, che attraverso modifiche strutturali del processo produttivo, consentirà un flussaggio delle trasmissioni a bassissimo impatto sull’ambiente.- Etica: tutto l’impegno di Argo Tractors si impernia su valori radicati. Ogni aspetto del ciclo produttivo – dalla progettazione alla consegna, e persino alla comunicazione – deve rispondere a comportamenti adeguati a standard stabiliti con estrema cura. La filosofia della società è modellata su un Codice Etico molto dettagliato, a cui sono vincolati dirigenti, dipendenti e collaboratori e che rappresenta un vero e proprio documento normativo.- Made in Italy: Uno dei fiori all’occhiello del Gruppo è il Full Made in Italy, cioè la produzione integrale dei trattori sul territorio nazionale, dalla progettazione e realizzazione, fino all’assemblaggio. In controtendenza ad un mercato sempre più esteso, che tende a delocalizzare la produzione e le altre fasi della filiera, Argo Tractors ha reso ancora più solide le proprie radici.Il Gruppo, tuttavia, non si accontenta dei risultati ottenuti e mantiene vivo il proprio impegno nel raggiungere standard che vadano oltre quelli consueti ed elevatissimi della produzione nazionale, attraverso processi sempre più ottimizzati ed orientati al raggiungimento dell’eccellenza.


Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet