BPER, Coopfond e CCFS insieme per finanziare lo sviluppo


REGGIO EMILIA 21 FEBBRAIO Banca popolare dell’Emilia Romagna (BPER), Coopfond e Consorzio Cooperativo Finanziario per lo Sviluppo (CCFS) hanno siglato una nuova Convenzione che mette a disposizione delle imprese cooperative aderenti alla Legacoop e alle società da loro controllate un plafond di 30 milioni di euro per finanziamenti a tassi agevolati finalizzati alla realizzazione di nuoviinvestimenti produttivi e a supporto allo sviluppo aziendale. Ogni operazione dovrà avere un importo minimo di 500.000 euro e potrà essere rimborsataentro un periodo massimo di 10 anni, comprensivi dell’eventuale periodo di preammortamento (pari a massimo 12 mesi). La forma tecnica di erogazione sarà, in via generale, quella del mutuo ipotecario; per operazioni a medio termine (60 mesi) potranno essere concordate altre forme di garanzia. Potranno accedere a questa opportunità le imprese aderenti a Legacoop e le imprese controllateda cooperative aderenti a Legacoop, dotate di adeguato equilibrio economico e finanziario e di concrete prospettive di sviluppo.Le condizioni applicate dai tre Enti alle proprie quote di partecipazione al pool permette di offrire alle Imprese finanziamenti a condizioni agevolative rispetto alle normali condizioni di mercato.“L’accordo, che si affianca ad altre convenzioni già in essere con altre forze economiche, conferma una volta di più l’impegno di BPER a favore delle imprese – spiega Corrado Savigni,Direttore Divisione Corporate BPER – Abbiamo verificato che non si è interrotta la propensione delle nostre imprese a investire e innovare, con lungimiranza e coraggio e sono certo che questa attitudine sarà una delle molle che renderanno la futura ripresa più incisiva e rapida.Questo accordo, inoltre, ci permette di rafforzare il rapporto di collaborazione da tempo in essere con Coopfond e CCFS”.“Anche con questa iniziativa – spiega il direttore generale di Coopfond Aldo Soldi – vogliamo sostenere la forza delle cooperative, che hanno resistito alla crisi e sono ora pronte a raccogliere le sfide che la ripresa porta con sé, attraverso uno strumento che facilita l’accesso alcredito, ne riduce il costo e moltiplica le risorse finanziarie del sistema Legacoop”. “Come testimonia anche questa convenzione – commenta il presidente di CCFS Ilio Patacini – per sostenerne i piani d’investimento e di sviluppo delle nostre imprese vogliamo mettere a disposizione, oltre agli strumenti finanziari della cooperazione, nuove opportunità generate da una collaborazione sempre più stretta con il sistema bancario”. I partner della convenzioneBanca popolare dell’Emilia RomagnaBanca popolare dell’Emilia Romagna, è alla guida del Gruppo BPER, fra le maggiori realtà creditizie delpaese, attraverso 9 banche territoriali e una rete di circa 1.300 sportelli.www.gruppobper.it – www.bper.itConsorzio finanziario per la promozione e lo sviluppo cooperativo (CCFS)Il Consorzio si prefigge di promuovere lo sviluppo delle imprese socie e di collaborare e partecipare allosviluppo ed al consolidamento del movimento Cooperativo e mutualistico, favorendo la costituzione dinuove Cooperative o società da esse partecipate”; scopo sociale che persegue favorendo l’accesso alcredito per i soci, prestando garanzie in loro favore, concedendo prestiti, mutui ed anticipazioni in genere,prestando consulenza finanziaria, raccogliendo prestiti dai soci medesimi. www.ccfs.itCoopfondCoopfond è la società che gestisce il fondo mutualistico per la promozione cooperativa alimentato dal 3%degli utili annuali di tutte le cooperative aderenti a Legacoop (Lega Nazionale Cooperative e Mutue) e daipatrimoni residui di quelle poste in liquidazione. L’attività caratteristica di Coopfond si articola su due filonidi intervento, la partecipazione al capitale di nuove cooperative o società di capitali a controllo cooperativoe il finanziamento di piani di sviluppo di cooperative esistenti dislocate nelle aree svantaggiate del paese.www.coopfond.it

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet