NASCE A SCANDIANO LA COOPERATIVA GRESLAB – workers buyout


scandiano 20 giugno E’ nata a Scandiano la seconda esperienza reggiana di WORKERS BUYOUT: dalla Greslab è nata una cooperativa di lavoratori sostenuta da CoopFond, il fondo nazionale di promozione cooperativa attivato con parte degli utili delle cooperative italiane Cfi, investitore istituzionale partecipato dal ministero per lo Sviluppo economico, e tre società commerciali operanti nel settore: Powergres, Ceramiche Moma e XLStyle. A questi si aggiungono i due partner finanziari: Ugf, che fornisce le fideiussioni per i fornitori, e Banca Etica, che ha aperto due linee start-up di finanziamento. La sede di Greslab è, in via Padre Sacchi 42 a Scandiano (RE). Il progetto Greslab Società Cooperativa è un caso di “workers buyout” che prevede l’avvio di una nuova realtà imprenditoriale costituita da ex dipendenti di una società di capitali , la Optima spa, in liquidazione. Si tratta di un’industria ceramica specializzata nel gres porcellanato smaltato di gamma medio-alta. Si tratta di una operazione particolarmente interessante e importante per i risultati imprenditoriali e occupazionali. Antonio Caselli è il presidente della cooperativa che conta 40 addetti.GresLab non e’ l’unico caso di “workers buyout”. Il modello è già stato applicato per il salvataggio di ArtLining, un’azienda che produce cravatte per l’alta moda. “Dopo due anni di start-up- spiega la presidente di Legacoop- quest’anno la cooperativa ha raggiunto l’utile per la prima volta. E attualmente stiamo seguendo un altro caso di workers buyout nel settore della falegnameria”

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet