IL PARMIGIANO-REGGIANO PUNTA SU RISTORATORI E DISTRIBUZIONE


REGGIO EMILIA 2 SETTEMBREOtto città italiane, nove incontri con il mondo dei ristoratori e della distribuzione alimentare, un mese e mezzo di incontri, conferenze, istruzioni sul come valorizzare il prodotto nei ristoranti e nei punti vendita: parte così, a giorni, la “campagna d’autunno” del Parmigiano-Reggiano, che insieme ad Asiago, Mozzarella di bufala campana, Provolone Valpadana e con il contributo del Ministero per le politiche agricoli e alimentari, sarà protagonista della rassegna “Parliamo di formaggio”.“L’iniziativa – sottolinea il Consorzio di tutela – si aggiunge ed integra le iniziative di informazione e formazione autonomamente promosse per il Parmigiano-Reggiano, integrando le azioni di quattro prestigiose Dop in aree strategiche per il nostro prodotto”.“Le manifestazioni – prosegue l’Ente di tutela – si concentreranno infatti in larghissima prevalenza nel centro-sud del Paese, e comunque in regioni dove più modesta è la conoscenza e il consumo del Parmigiano-Reggiano”.Il calendario, infatti, prevede manifestazioni a Villa San Giovanni, in Calabria, e poi ad Ascoli Piceno, Perugia, Bari, Napoli (due incontri), Palermo, Trieste e Torino.Gli incontri per i ristoratori saranno condotti da alcuni dei più grandi chef italiani (tra questi il premiatissimo Massimo Bottura,, che sarà protagonista a Torino e Perugia), e le loro performance saranno precedute da una parte introduttiva e propedeutica sui formaggi Dop curata dal dr. Giancarlo Corghetto, esperto di filiera lattiero-casearia e maestro assaggiatore dell’Onaf (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggio).Esperti di marketing e commercio parleranno poi agli esponenti della distribuzione alimentare: “in entrambi i casi – osserva il Consorzio di tutela – sarà posto l’accento sulle particolari caratteristiche delle Dop, sull’uso in cucina tra innovazione e tradizione, sull’acquisto e sulla vendita negli esercizi commerciali, coinvolgendo in modo diretto e qualificato due mondi il cui lavoro è fondamentale per l’affermazione e la diffusione del nostro prodotto”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet