Coopservice solida anche nel 2011


reggio emilia 2 luglio Si confermano positivi i risultati conseguiti da Coopservice nell’esercizio 2011. La cooperativa reggiana, leader nella fornitura di servizi integrati, illustrerà domani ai propri soci i dati relativi all’andamento economico dello scorso anno di attività, anno che, nonostante il perdurare di una crisi economica con pochi precedenti, ha visto una buona performance del Gruppo. I risultati di bilancioIl volume dei ricavi è aumentato da 359 a 370 milioni di euro*, con un incremento percentuale di poco superiore al +3% rispetto al 2010. L’incremento dei ricavi si è tradotto nel corso dell’anno in 212 nuovi posti di lavoro, che hanno portato gli occupati a quota 11.415, con un +2% rispetto al 2010. Da ultimo, l’utile netto dello scorso anno è stato di 2,6 milioni di euro, a seguito dell’accantonamento di 7,3 milioni di euro per imposte e tasse e di 6,5 milioni di euro per ammortamenti. Dato negativo l’aumento dei giorni di incasso, che passano da 176 a 188, rilevando un peggioramento degli incassi in sintonia con l’incremento dei crediti superiore all’incremento del fatturato. In controtendenza rispetto al contesto socio-economico italiano, i dati relativi all’occupazione: alla fine del 2011 il saldo complessivo degli occupati era di 11.415 persone, costituito dal 64% di donne e con 212 posizioni in più rispetto al 2010. Nel 2011 i soci si sono attestati a 5.527 con un incremento di 114 unità rispetto all’anno precedente. Il bilancio consolidato del Gruppo Coopservice, comprensivo quindi delle partecipazioni detenute dalla cooperativa in altre società, evidenzia ricavi per servizi pari a 624,6 milioni di euro. L’utile del Gruppo si è attestato sui 529 mila euro, di cui 375 mila euro di pertinenza della cooperativa. Il patrimonio netto consolidato è di 152,7 milioni di euro, di cui 120,2 milioni di pertinenza Coopservice. Al raggiungimento di questi importanti risultati ha concorso in larga misura la controllata Servizi Italia, che con 167 milioni di ricavi realizzati nel 2011 e un utile netto di 4,3 milioni di euro ha consolidato la propria leadership nel mercato dei servizi integrati di noleggio, lavaggio e sterilizzazione di materiali tessili e strumentario chirurgico per le strutture ospedaliere. Da segnalare, inoltre, all’interno del Gruppo, anche le buone performance conseguite lo scorso anno da Archimede di Reggio Emilia, la controllata attiva nella somministrazione di lavoro, e dalla società Log’s di Parma, operante nei servizi di trasporto e logistica. «Risultati positivi, per nulla scontati, che confermano la capacità di Coopservice di presidiare le proprie quote di mercato e di acquisirne di nuove, anche a fronte dei pesanti tagli praticati dai clienti pubblici e privati ai servizi finora affidati all’esterno». Queste le parole del Presidente di Coopservice Roberto Olivi a commento dei dati di bilancio 2011. «Questi risultati, superiori alle attese, ci hanno consentito di riconoscere ai soci un ristorno di 1,5 milione di euro. A questa somma importante vanno aggiunti altri 2,4 milioni di euro ritornati ai soci sotto forma di vantaggi sociali, vale a dire: interessi sul prestito, remunerazione e rivalutazione del capitale sociale, strenna natalizia e attività sociali. In tutto, dunque, 3,9 milioni di euro che hanno contribuito a sostenere il reddito dei soci della cooperativa e delle loro famiglie, in un anno ancora particolarmente difficile per la nostra economia». «Ma, oltre alla salvaguardia dell’occupazione e alla tutela del reddito – ha concluso Olivi -, lo scorso anno abbiamo continuato a percorrere con determinazione la strada della partecipazione consapevole dei soci alla vita della cooperativa, facendo leva sul coinvolgimento non episodico dei comitati soci e sul miglioramento della comunicazione interna. Scelte imprescindibili per una cooperativa a larga base sociale e territoriale come abbiamo scelto di essere. L’immagine di Coopservice che il consuntivo dell’esercizio 2011 ci rimanda, mostra dunque una cooperativa in buona salute e con i “fondamentali” in regola, in grado di attrezzarsi adeguatamente per affrontare le sfide che l’attendono nei prossimi anni».

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet