Unieco Ambiente sviluppa la selezione automatizzata per Contarina Spa


reggio emilia 18 giugno Unieco Ambiente conferma il posizionamento ai massimi livelli tra i costruttori di impianti per il trattamento dei rifiuti in Italia e ha stipulato un con Contarina Spa (Treviso) il contratto d’appalto per la progettazione esecutiva e per la costruzione nel Comune di Spresiano (TV) di un impianto di selezione della frazione secca riciclabile dei rifiuti urbani e di un impianto fotovoltaico per produzione di energia elettrica.Unieco Ambiente si è aggiudicata una gara che si è svolta con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa a cui hanno partecipato quattro concorrenti.“Unieco Ambiente – spiega Stefano Carnevali, Direttore della Divisione – si occuperà della progettazione esecutiva, dell’iter autorizzativo, della realizzazione, dell’avviamento operativo e della conduzione per quattro mesi di detto impianto, per un importo totale di circa 4 milioni di euro. Il tempo di realizzazione delle opere (compresa la progettazione esecutiva) è di 100 giorni e questo significa aver maturato una grande competenza specifica in questo segmento dell’impiantistica legata ai rifiuti”.Unieco Ambiente ha già realizzato con successo impianti di selezione in diverse regioni italiane ma in questo caso si tratta di un impianto innovativo in quanto il processo di selezione dei rifiuti sarà delegato a macchinari automatici funzionanti con principio del riconoscimento ottico (tecnologia NIR). Si realizzerà all’interno del capannone dedicato precedentemente all’impianto di compostaggio che Unieco aveva costruito negli anni passati, previo adeguamento architettonico dello stesso alle nuove esigenze impiantistiche. L’impianto avrà lo scopo di trattare tutti i rifiuti provenienti da raccolta differenziata del secco del bacino Consorzio Priula (Treviso provincia) e dal consorzio TV3 (plastiche, lattine, carta, cartone, vetro ecc.) e suddividerà i flussi in ingresso in materie secondarie di qualità, da inviare direttamente ai vari consorzi di filiera dedicati al loro recupero. L’impianto di selezione sarà completato con un impianto fotovoltaico disposto su tre pensiline metalliche dedicate allo stoccaggio dei semilavorati risultanti dalla selezione . Dal fotovoltaico si produrrà energia elettrica per alimentare l’impianto di selezione.Con questa acquisizione il Settore Infrastrutture di Unieco Ambiente conferma l’attenzione all’area del trattamento dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet