Delmi: pronti a svalutare asset Edison piu’ di studio Dallocchio


REGGIO EMILIA 18 MARZO I soci italiani di Edison, raggruppati in Delmi QUINDI ANCHE IREN, hanno raggiunto un accordo per accettare maggiori svalutazioni sugli asset di Foro Buonaparte, rispetto a quanto emerso dagli impairment test affidati all’advisor Maurizio Dallocchio.Lo ha spiegato a MF-Dowjones una fonte vicina al dossier.L’analisi di Dallocchio avrebbe fatto emergere la necessita’ di attuare svalutazioni sugli avviamenti per circa 210 milioni di euro, ben al di sotto, quindi, rispetto ai 715 milioni di euro di accantonamenti che Edf aveva messo nel proprio bilancio per far fronte a eventuali svalutazioni di Foro Buonaparte.Una linea condivisa appieno dai consiglieri indipendenti dell’utility milanese, che hanno richiesto alla banca d’affari americana Goldman Sachs una vera e propria due diligence sul lavoro di Dallocchio.In vista del Cda di Edison, programmato per lunedi’ 12/3, i soci italiani di Delmi (A2A, Iren, Sel, Dolomiti Energia, Fondazione Crt, Mediobanca e B.P.Milano) hanno in pratica aperto ai soci francesi per trovare un accordo che soddisfi tutti.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet