re 17 /6/2011 VAL D’ENZA: DA “CAPITALE DEL BARATTOLO” A ECCELLENZA EUROPEA PER IL PACKAGING ALIMENTARE


MONTECHIO 17 GIUGNO Se un tempo la Val d’Enza era riconosciuta “capitale del barattolo”, con un distretto ad hoc nato nel 1910 con quattro grandi aziende di cui solo una multinazionale, negli ultimi anni le acquisizioni da parte di gruppi esteri e le delocalizzazioni hanno mutato lo scenario. Un cambiamento che non ha segnato la fine del primato della Val d’Enza, anzi: è stato l’inizio dell’importante passaggio alla produzione di macchinari di packaging di altissimo livello per lavorare e inscatolare i prodotti. Una qualità riconosciuta dall’Europa che ha inserito la Val d’Enza tra le eccellenze del progetto “C-Plus, scoprire i cluster migliori dell’Europa Centrale”, per il quale CNA ha assunto con entusiasmo il ruolo di capofila in zona.L’analisi è emersa durante il meeting locale del distretto packaging alimentare della Val d’Enza che il 24 giugno prossimo, guidato da CNA, parteciperà al primo incontro europeo di C-Plus, progetto finanziato dall’Unione Europea e promosso all’unisono da CNA Emilia Romagna e dalla Regione Emilia Romagna, in partenariato con i Comuni della Val d’Enza, la CNA di Reggio e l’istituto scolastico Silvio D’Arzo di Montecchio. L’incontro si è svolto a Montecchio nella sede del Centro Risorse Val d’Enza presso l’Istituto D’Arzo, alla presenza dei rappresentanti di CNA regionale, provinciale e Val d’Enza, CNA Innovazione, Regione Emilia Romagna, Istituto D’Arzo, Comune di Campegine, Azienda Logit e Banca Reggiana. “Per rimanere competitivi a livello internazionale c’è bisogno di mettere in rete le eccellenze della Val d’Enza – spiega Tristano Mussini, presidente provinciale di CNA – l’obiettivo è condividere competenze e risorse per risollevarsi dalla pesante crisi che da due anni vessa l’intero sistema economico, ma anche guardare avanti, mutare la tradizionale cultura aziendale del tutti contro tutti e unire le forze per fare ricerca, per poter continuare a crescere nel tempo senza soccombere davanti alla concorrenza dei grandi mercati internazionali. L’esperienza di C-Plus, progetto internazionale che va a individuare due distretti per ogni Paese creando una rete europea di competenze e buone prassi che permetta di accrescere la competitività dei settori produttivi locali, può insegnarci molto in tema di innovazione e competitività: le aziende della Val d’Enza del settore del packaging alimentare potranno confrontarsi con cinque regioni produttive dell’Europa Centrale: Austria, Germania, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet