NELL’ANNO DEL 50°FIANDRE LANCIA MAXIMUM, LA LASTRA 300X150


CASTELLARANO 16 SETTEMBRE Cersaie 2011:” right here, right now”. E’ uno slogan colmo di entusiasmo quello scelto da GranitiFiandre per la 29° edizione del Salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno. “Qui e ora” è per GranitiFiandre, azienda italiana leader nella produzione di lastre in gres porcellanato di alta gamma per pavimenti e rivestimenti, la parola d’ordine: attenzione all’attualità, ai rapidi cambiamenti del mondo odierno, all’evoluzione della domanda e della tecnologia. Una tecnologia che permette oggi all’Azienda di presentarsi sul mercato con una straordinaria proposta per il mondo dell’architettura, da sempre interlocutore privilegiato e propositivo per GranitiFiandre.Cersaie 2011 nasce all’insegna di grandi proposte innovative: protagonista dello spazio espositivo ideato dall’architetto Massimo Iosa Ghini, presso il Pad. 25 (A122-B123), è la collezione MAXIMUM, la declinazione contemporanea dell’evoluzione della “specie ceramica”. Gli ospiti saranno accolti in un’imponente struttura architettonica dove le parole chiave della filosofia aziendale si coniugano e si concretizzano nei grandi formati 300×150 cm proposti nella versione Aster Maximum e NewMarmi Maximum, grandi superfici per una grande concezione di architettura.Una nuova tappa che sposta sempre oltre il traguardo da raggiungere e che sprona GranitiFiandre a tendere verso il nuovo, verso l’avanguardia della ricerca sin dagli albori della sua storia. Da 50 anni negli stabilimenti produttivi GranitiFiandre si forgia la materia del futuro, un domani che la filosofia aziendale tutela grazie ad una rigorosa policy ambientale: risparmio energetico, attenzione al contenimento e alla riduzione delle emissioni in atmosfera, abbattimento delle emissioni in acqua, riutilizzo e riciclaggio degli scarti di processo che assicurano un’importante riduzione nel consumo di materie prime naturali, sono azioni che fanno di GranitiFiandre e dei suoi prodotti un modello di ecosostenibilità industriale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet