Antichi Pellettieri, il cda chiede l’ammissione al concordato preventivo


reggio emilia 16 aprileIl consiglio di amministrazione di Antichi Pellettieri ha deliberato la presentazione della richiesta di concordato preventivo: la società depositerà la richiesta di concordato “in bianco” insieme agli ultimi tre bilanci. In caso di ammissione spetterà poi al giudice assegnare un termine tra i 60 e i 120 giorni per la presentazione del piano di ristrutturazione. La delibera è stata assunta perché “seppure le trattative con le banche creditrici tese ad addivenire alla formalizzazione di un accordo per la ristrutturazione dei debiti della società fossero nei giorni scorsi ormai giunte a conclusione”, in seguito alla ricezione il 5 aprile 2013 di una sanzione della Consob da 1,8 milioni di euro per una presunta violazione dell’art. 187-ter, comma 1 del D.lgs 24 febbraio 1998 n. 58 (che punisce “chiunque, tramite mezzi di informazione, compreso internet o ogni altro mezzo, diffonde informazioni, voci o notizie false o fuorvianti che forniscano o siano suscettibili di fornire indicazioni false ovvero fuorvianti in merito agli strumenti finanziari”) “si è reso necessario il rinvio della formalizzazione dell’accordo di ristrutturazione”. Il cda, inoltre, ha ritenuto opportuno “a tutela degli interessi degli azionisti tutti proseguire nelle interlocuzioni con il ceto bancario” per formalizzare l’accordo di ristrutturazione dopo le modifiche rese necessarie dalla multa di Consob.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet