DALTER ALIMENTARI- Caseificio di Canossa in società col Caseificio di Selvapiana per la produzione di Parmigiano Reggiano


S.ILARIO 14 GIUGNO Il caseificio di Canossa ha recentemente stipulato un accordo con il Caseificio di Selvapiana per la costituzione di una nuova società consortile denominata “Colline di Selvapiana e di Canossa”, che si occuperà di tutte le fasi della lavorazione del latte per la produzione di Parmigiano Reggiano di montagna.L’iniziativa si inserisce in continuità con le scelte strategiche di Dalter Alimentari, che a Reggio Emilia confeziona formaggi grattugiati e porzionati freschi per il canale ho.re.ca e l’industria alimentare. La volontà è quella di perseguire, attraverso l’integrazione verticale, il controllo totale della filiera: dopo l’acquisto, nel 2007, del 50% delle quote del caseificio di Canossa e la successiva acquisizione totale nel 2009, ora la decisione di creare questa nuova realtà che garantirà un notevole aumento della capacità produttiva, le caldaie attive passeranno da 12 a 21, e un miglioramento dei costi fissi. Gli investimenti deliberati in fase di attuazione, consentiranno inoltre un aggiornamento ed un ampliamento degli impianti, con possibilità di inserimenti di altre caldaie, e l’introduzione di tecnologie all’avanguardia. Sul versante della qualità, la nuova società seguirà il rigido Disciplinare di produzione stabilito dal Consorzio di Tutela, e si preparerà a soddisfare i più rigorosi parametri richiesti dalle certificazioni europee, come BRC (British Retail Consortium) e IFS, continuando quel sapiente connubio fra le tradizioni artigianali dei maestri casari della zona e le nuove tecnologie, con l’obiettivo comune di ottenere un prodotto di grande qualità nel rispetto delle tradizioni. Inoltre, gli elevati standard qualitativi saranno garantiti anche grazie al magazzino di stagionatura: oltre ad avere una capacità di ben 14.000 forme, il magazzino si trova ad un’altezza di 650 m, posizione ottimale dal punto di vista climatico e ambientale per una perfetta maturazione del Parmigiano Reggiano.“L’accordo raggiunto – spiega Alberto Viappiani, presidente di Colline di Canossa Srl– ci soddisfa pienamente per i molteplici aspetti positivi che ne derivano e che, fra l’altro, non si limitano al contesto puramente aziendale. L’investimento permetterà infatti di fornire nuova linfa economica e prospettive concrete di lavoro ad un’area che vive fortemente il fenomeno dell’emigrazione verso la città. Basti pensare che negli ultimi decenni, nella zona delle colline intorno al caseificio, le aziende agricole sono passate da 250 a 10 e i caseifici da 8 a 1. Credere nelle potenzialità di questo territorio, attraverso iniziative imprenditoriali, significa valorizzare le risorse presenti, evitando la perdita di un patrimonio tangibile e intangibile costruito nel tempo.”La decisione di investire sul territorio assicura quindi dei benefici anche a livello sociale, aspetto che l’azienda di Sant’Ilario ha sempre tenuto in considerazione. D’altronde proprio il territorio, grazie alla qualità delle sue materie prime e all’esperienza dei maestri casari, tramandata nei secoli, rappresenta uno dei valori imprescindibili del Parmigiano Reggiano.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet