Il Gruppo Iren presenta il nuovo Piano Industriale 2011-2015.


REGGIO EMILIA 13 DICEMBRE Il Gruppo Iren presenta oggi alla comunità finanziaria il nuovo Piano Industriale 2011-2015.Nel periodo 2011-2015 il Gruppo Iren intende concentrare le proprie attività di sviluppo nei settori idrico, ambiente e teleriscaldamento per linee di crescita sia interna che esterna con particolare focalizzazione nei territori di riferimento. Si tratta di settori nei quali il Gruppo gode di una posizione di significativo vantaggio competitivo e nei quali sarà possibilecogliere le opportunità offerte dallo scenario evolutivo.Nel settori liberalizzati il Gruppo si pone l’obiettivo di accrescere l’attuale base clienti finali nella fornitura di vettori energetici (gas ed elettricità) e di ottimizzare il proprio portafoglio di approvvigionamento gas e generazione.L’ottimizzazione del cash flow nelle reti gas ed elettriche completa il quadro degli obiettivi su cui il Gruppo concentrerà la propria crescita nel prossimo quinquennio, anche attraversol’apertura a partnership specifiche. La dismissione di asset non strategici renderà disponibili ulteriori risorse per focalizzarnel’allocazione sul piano di sviluppo.Sulla base di queste linee strategiche, il Gruppo Iren si prefigge una crescita dell’EBITDA a circa 1 miliardo di euro nel 2015 (CAGR 10% annuo).Il Piano Industriale prevede inoltre un programma di investimenti per il periodo 2011-2015 per oltre 2,4 miliardi di euro e sinergie cumulate sull’orizzonte di Piano per 70 milioni di euroche si prevede verranno realizzate al 70% nei primi tre anni di Piano. La Posizione Finanziaria Netta stimata a fine Piano è pari a circa 2,5 miliardi di euro con unrapporto Net Debt/Ebitda in discesa a circa 2,5 volte (3,6 volte al 2009), grazie ad un pienoequilibrio sul fronte dei flussi finanziari.Di seguito il dettaglio per singola unità di business.SERVIZIO IDRICO INTEGRATO: 30% DEL MOL NEL 2015Nel quinquennio 2011-2015 l’impegno del Gruppo Iren si concentrerà sulla realizzazione deipiani di investimento nelle aree liguri ed emiliane previsti come naturale avanzamento dei piani d’ambito già avviati.Forte rilevanza assumeranno le iniziative per cogliere le opportunità di espansione in ambiti attualmente non gestiti, possibilmente rientranti nel bacino territoriale di riferimento, anche grazie al consolidamento dell’operazione avviata con F2i per la concentrazione e lo sviluppo dell’attività nel settore idrico.Il Servizio idrico integrato, che si prevede realizzerà il 46% della crescita del Mol di Gruppo, raggiungerà volumi di vendita pari a 380 milioni di metri cubi, in forte crescita rispetto ai 192 milioni di metri cubi del 2009 (+100%), a servizio di un bacino di oltre 4,5 milioni di abitanti (2,4 milioni al 2009).Il progetto di crescita prevede la realizzazione di circa 1,1 miliardi di euro di investimenti nell’arco piano.AMBIENTE: 12% DEL MOL NEL 2015L’obiettivo del Gruppo Iren è raggiungere, nel 2015, 1,8 milioni di tonnellate di rifiuti urbani e speciali trattati (+98% rispetto al 2009), grazie in particolare al completamento del sistema impiantistico di smaltimento a servizio degli ambiti territoriali serviti, dove è previsto un target di raccolta differenziata almeno al 60%, e all’espansione delle attività di settore in ambiti attualmente non gestiti nel bacino geografico di riferimento.In parallelo allo sviluppo della capacità impiantistica il Gruppo Iren punta ad una crescita della quota di mercato nella gestione dei rifiuti speciali non pericolosi (+30% sui territori diriferimento).Il 18% della crescita del Mol sarà sostenuta dal settore Ambiente attraverso un piano di investimenti che si attesta a circa 400 milioni di euro nel quinquennio.GENERAZIONE ENERGIA ELETTRICA E CALORE: 23% DEL MOL NEL 2015Gli obiettivi definiti per il settore Generazione sono concentrati sull’incremento della capacità di generazione termica da fonte cogenerativa ad elevata efficienza e dall’integrazione con altre fonti di calore interne e con le potenziali fonti di calore derivanti dallo sviluppo del Gruppo nel settore ambientale per l’incremento delle volumetrie servite attraverso ilteleriscaldamento.La produzione termica attesa al 2015 si attesta ad oltre 3 TWh termici (+26% rispetto al 2009) ed è realizzata principalmente attraverso il completamento della centrale di cogenerazione da 400 MW nell’area Nord di Torino e alla massimizzazione dell’efficienza di produzione. Il piano di settore prevede inoltre il completamento del repowering del sistema degli impiantiidroelettrici della Valle Orco e lo sviluppo della produzione da fonti rinnovabili quale leva di sviluppo del territorio e completamento delle altre filiere di produzione.Per il settore Generazione, che si prevede contribuirà per il 15% alla crescita del Mol, è previsto un piano di investimenti di oltre 250 milioni di euro nell’arco piano.INFRASTRUTTURE ENERGETICHE: 24% DEL MOL NEL 2015Il Piano industriale prevede che la contribuzione del settore alla crescita del Mol sarà pari al 10% circa.Gli obiettivi di sviluppo prevedono il completamento del Rigassificatore di Livorno (OLT), il cui avvio è previsto ad inizio 2012, con una capacità di rigassificazione autorizzata pari a 3,75 miliardi di metri cubi annui di gas naturale ed elevata possibilità di modulazione infragiornaliera. A valle del completamento dell’impianto, il Piano prevede una riduzionedella partecipazione nel progetto OLT, in linea con i volumi di gas ritirato dal Gruppo.Forte rilevanza assume nelle previsioni di Piano il completamento dello sviluppo delle reti di teleriscaldamento nei territori di riferimento. In particolare l’espansione delle reti diteleriscaldamento consentirà la crescita delle volumetrie teleriscaldate che si attesteranno ad 80 milioni di metri cubi (+27% rispetto al 2009), confermando la leadership nazionale delGruppo Iren nel settore. A completamento del piano di settore sono previsti interventi per il mantenimento dell’efficienza delle reti elettriche e gas per cui è, inoltre, previstal’ottimizzazione del cash flow.Nel settore Infrastrutture Energetiche il piano prevede investimenti per circa 600 milioni di euro.MERCATO: 7% DEL MOL NEL 2015Grazie alla maggiore disponibilità di energia elettrica e di gas derivante dai progetti di incremento della capacità di generazione interna e attraverso l’integrazione delle piattaformedi approvvigionamento del gas, il Gruppo Iren intende consolidare il suo posizionamento nel Nord Italia. Si prevede che la contribuzione del settore alla crescita del Mol di Gruppo saràpari al 6%.Oltre al consolidamento e alla fidelizzazione dell’attuale base clienti, il Piano definisce obiettivi di crescita della clientela sui territori di riferimento, sfruttando le rilevanti potenzialitàdi cross selling fra utenze energia elettrica e gas, e lo sviluppo per linee esterne, ponendosi come polo aggregatore di realtà commerciali di medie dimensioni nel Centro-Nord,attraverso un piano di investimenti che si attesta attorno ai 57 milioni di euro nel quinquennio con un incremento della base clienti di oltre il 30%, principalmente nel settore gas.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet