re 118/4/2011 BANCA REGGIANA IN ASSEMBLEA. CRESCONO SOCI, IMPIEGHI E RACCOLTA


reggio emilia 18 aprile 2010 in crescita per Banca Reggiana, che ha tenuto ieri a Gualtieri l’Assemblea dei soci.“I valori relativi a raccolta, impieghi, patrimonio, soci e capitale sociale – sottolinea il direttore generale dell’Istituto di Credito Cooperativo, Marco Piccinini – sono tutti in aumento e i risultati appaiono positivi, sebbene resti pesante la situazione dell’economia locale e continuino a crescere le difficoltà per le famiglie”.“Proprio in questo contesto – prosegue Piccinini – acquistano un valore del tutto particolare alcuni valori del bilancio, a partire dall’incremento del numero dei soci, giunti a 10.398 unità (+993 rispetto al 2009), e dall’andamento degli impieghi, che sono saliti a 660,5 milioni, con un incremento del 4,53%”. “Nel primo caso – spiega Piccinini – riscontriamo una continua crescita di della fiducia da parte di persone e imprese nei confronti di Banca Reggiana, e dall’altra si evidenzia bene il sostegno che il nostro Istituto ha assicurato al sistema economico e alle famiglie, erogando crediti per quasi 30 milioni in più rispetto al 2009 (quando l’incremento degli impieghi fu del 2,57%) e, soprattutto, aumentando in modo rilevante la componente a medio-lungo termine e indirizzando le risorse in modo assolutamente prevalente alle imprese non finanziarie (54,13% sul totale degli impieghi) e alle famiglie (44,57% sul totale): questo significa che il quasi il 99% degli impieghi si è sulle famiglie e su quell’economia reale che è fatta di beni, servizi e lavoro, restando ben distante da qualsiasi speculazione finanziaria”.In crescita anche la raccolta complessiva di Banca Reggiana, che è salita a 964 milioni, con una netta prevalenza della raccolta diretta, che si è portata a 704,93 milioni (+ 2,66%).La rilevante crescita del numero dei soci ha inciso sensibilmente anche sul capitale sociale, passato da 8,874 a 10,771 milioni , con un aumento del 21,39% rispetto all’anno precedente: “su questo forte incremento – sottolinea il direttore generale di Banca Reggiana – non ha comunque inciso solo l’aumento del numero dei soci, ma anche la quota media da essi sottoscritta, che in un solo anno è cresciuta di oltre il 20%”.“E’ evidente – spiega Piccinini – che per una Banca di Credito Cooperativo queste cifre hanno un valore del tutto particolare, perché parlano di una condivisione sempre più diffusa e concreta dei suoi principi mutualistici: in questo contesto è oltremodo significativo il fatto che aumenti sensibilmente la quota della componente giovanile all’interno della base sociale, che dal 20,06% del 2009 si è portata al 28,51%”.Nel corso del 2010 Banca Reggiana (il cui patrimonio è salito a 80,2 milioni) ha tra l’altro aperto la sua ventitreesima filiale nel centro storico di Reggio Emilia, che è andata ad aggiungersi alle altre 15 operanti in provincia, alle 5 del parmense e alle 2 del mantovano.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet