Due nuove serre per la cooperativa sociale Il Bettolino


REGGIO EM,ILIA 10 MARZO – Ammonta a 60mila euro l’investimento che permetterà alla cooperativa sociale Il Bettolino di Reggiolo di iniziare a commercializzare il basilico bio prodotto.Grazie all’introduzione di nuove varietà dei semi, alle modifiche alla ricetta di concimazione, agli interventi di manutenzione straordinaria tutto l’impianto e soprattutto grazie all’impegno e alla crescita professionale degli operatori, nel 2010 la produzione di basilico idroponico con il metodo della lotta integrata, è stata di ben 75 tonnellate.Tutto il basilico prodotto è stato commercializzato; per il 60% in vaschette il 40% è stato trasportato in Liguria per la successiva trasformazione in pesto alla genovese. Sono state oltre 800.000 le vaschette di basilico con il marchio “Amici in campo” commercializzate nei negozio della grande distribuzione (Coop, Conad, Realco).Per continuare il processo di qualificazione e di inno-vazione da una parte, ma soprattutto per creare nuove opportunità di lavoro per inserire altre persone svantaggiate, il Cda della cooperativa ha deciso di investire ancora sul basilico attrezzando in sede due serre per la produzione di basilico biologico in vaso. Grazie al contributo ottenuto in conto interessi da Agrifidi, per il 2011 sarà possibile produrre circa 300.000 vasi di basilico biologico. Come per il basilico idroponico, il prodotto che non sarà commercializzato, verrà inviato ad un pastificio ligure che lo trasformerà in pesto alla genovese biologico.Considerando che le potenzialità delle due serre a pieno regime sono quelle di produrre 500.000 vasi e che un vaso di basilico produce circa 80 grami di prodotto, è previsti di produrre 40 tonnellate di basilico bio che si vanno ad aggiungere alle altre 80 tonnellate del basilico idroponico. Con 120 tonnellate di basilico prodotto in serra, la cooperativa si collocherà tra i principali produttori del nord.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet