Gli studenti dell’IIS L. Nobili entrano alla Brevini Fluid Power grazie ad Industriamoci 2012


REGGIO EMILAI 10 DICEMBRE Le risorse umane che scriveranno il futuro della Brevini Fluid Power, le persone che porteranno avanti i progetti e un marchio che si avvicina ai 40 anni di storia oggi sono ragazzi e ragazze impegnati nelle scuole e nelle aule universitarie. Sono gli stessi che tra qualche anno entreranno nel mondo del lavoro.Aprire le porte della nostra “fabbrica” per spiegare come si lavora in Brevini Fluid Power è una scelta di campo che impegnerà sempre di più la nostra azienda.“E’ su questa strada che vogliamo camminare – ha spiegato alle due classi 5 A e 5 B accompagnate dai prof. Grossi Ideo e prof. Verde Vincenzo che hanno partecipato alla terza edizione di Industriamoci promossa da Industriali Reggio Emilia (Confindustria) Maurizio Brevini, direttore di TMS, la Techinical and Management School di Brevini Fluid Power, e Ivan Talami, Responsabile dei Plant Brevini Fluid Power – e lo facciamo investendo risorse importanti. Siamo promotori del “Progetto Studenti Werther Campaldi” che da oltre dieci anni accompagna studenti meritevoli dell’IIS L.Nobili dal diploma alla laurea in ingegneria. I risultati di questo investimento sul futuro sono davvero positivi e la nuova visione data alla nostra azienda conferma che la formazione permanente è la chiave per competere nel mondo”.Le “porte aperte” in Brevini Fluid Power infatti significano tante cose. Anche stage formativi e altre iniziative. Aprendo le porte dell’azienda, Brevini Fluid Power ha quindi partecipato attivamente al PMI DAY – Industriamoci che coincide con la V edizione di Apertamente. Sono eventi promossi da Piccola Industria Confindustria nell’ambito dell’ XI Settimana della Cultura d’Impresa.Nel corso della visita ai reparti produttivi i 30 studenti, hanno seguito la proiezione del video who we are Brevini Fluid Power e la video scheda che illustra le attività della scuola aziendale TMS disponibili su You Tube nel canale aziendale brevinifluidpowerIT.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet