UN OTTIMO 2011 PER IL CREDEM – APPROVATO IL BILANCIO


REGGIO EMILIA 1 MAGGIO E’ stato approvato il bilancio 2011 di Credem: l’assemblea degli azionisti ha dato il suo definitivo benestare sul bilancio dell’esercizio con utile a 96,6 milioni di euro (+23,8%) e ha confermato il dividendo di 0,10 euro per azione.Durante la stessa assemblea è stato anche nominato il nuovo consiglio di amministrazione, che rimarrà in carica nel triennio 2012-2014, ed è stata approvata la relazione annuale sulla politica di remunerazione del Gruppo e il piano di compensi basati su azioni per il personale più rilevante con relativa autorizzazione all’acquisto di azioni proprie.E’ stato riconfermato presidente del cda Giorgio Ferrari, mentre Ignazio Maramotti e Lucio Zanon di Valgiurata sono stati nominati vicepresidenti. Sono stati inoltre nominati vicedirettori generali Angelo Campani e Nazzareno Gregori.Per quanto riguarda il bilancio di esercizio, è stato confermato il dividendo di 0,10 euro per azione, invariato rispetto al 2010. La cedola sarà messa in pagamento a partire dal 17 maggio 2012 con stacco 14 maggio 2012; il monte dividendi complessivo ammonta a 33,2 milioni di euro.Il gruppo Credem ha chiuso il 2011 con un utile netto consolidato in crescita del 23,8% a 96,6 milioni di euro (78 milioni di euro a fine 2010). Il gruppo nel corso del 2011 ha confermato il supporto al tessuto economico con un incremento dei prestiti del 5,9% a 19.995 milioni di euro.Faranno parte del nuovo cda 11 amministratori proposti dalla lista di maggioranza Credemholding: Romano Alfieri, Enrico Corradi, Guido Corradi, Giorgio Ferrari, Giorgia Fontanesi, Ignazio Maramotti, Ugo Medici, Benedetto Renda, Paola Schwizer, Giovanni Viani e Lucio Zanon di Valgiurata.Dopo aver approvato la relazione annuale sulla politica di remunerazione del gruppo e il piano di compensi basati su azioni per il personale più rilevante, in sede straordinaria l’assemblea degli azionisti ha approvato alcune modifiche statutarie, tra cui quelle relative alla cosiddetta legge sulle “quote rosa”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet