Ravenna non perdona: esce nudo dall’auto al Lido di Dante, denunciato


RAVENNA, 4 AGO 2009 – Vita dura, anzi durissima a Ravenna. Per tutti quelli che deviano un po’ dal comune senso del pudore del sindaco Matteucci. Il quale ha dalla sua tutte le ragioni legali ma anche una bella dose di accanimento inutile. Dopo la vera e propria guerra contro la storica spiaggia naturista del Lido di Dante, nei giorni scorsi è toccato ad un imprenditore milanese di 41 anni fare da parafulmine. Sceso dalla macchina per andare al Lido di Dante è stato “beccato” da una signora che ha segnalato il numero di targa ai vigili. E’ scattata la collaborazione con l’Interpol, pardon con la polizia milanese e all’incauto nudista è arrivata una denuncia per atti contrari alla pubblica decenza.In Friuli il capogruppo regionale del Carroccio, Danilo Narduzzi ha chiesto che gli ambulatori smettano subito di curare gli immigrati ma nessuno lo ha denunciato per atti contrari al comune senso della civiltà.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet