Ravenna, i lavoratori Vinyls lasciano il presidio


RAVENNA, 30 GIU. 2011 – Si conclude dopo quasi 5 mesi il presidio dei lavoratori della Vinyls di Ravenna. Una settimana fa il comitato di sorveglianza aveva dato parere favorevole alla cessione dello stabilimento all’Igs di Varese, dando il via alla soluzione-spezzatino che punta a far sopravvivere – seppur in altro modo – anche i siti di Marghera e Porto Torres. E di conseguenza oggi, nella città romagnola, lavoratori e organizzazioni sindacali hanno deciso di abbandonare la forma di protesta iniziata la notte del 10 febbraio con la salita sui silos a 50 metri d’altezza e la loro occupazione in presidio permanente fino ad oggi. Una protesta che, spiega una nota firmata dalla rsu dello stabilimento e con le sigle di Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uilcem-Uil, mirava a "dare la possibilità ai lavoratori di riavviare gli impianti e tornare a lavorare per dare un futuro dignitoso a loro e alle loro famiglie". "Proprio perché questo si possa realizzare il prima possibile, rimanendo fedeli all’atteggiamento determinato ma coerente sempre tenuto dai lavoratori ravennati – concludono i lavoratori – si è deciso di abbandonare il presidio nell’attesa del completamento dell’operazione con la formalizzazione dell’ acquisto vero e proprio e la convocazione di un incontro per organizzare e definire i dettagli operativi del Piano Industriale di Igs".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet