Ravenna e la sostenibilità


25 SET 2009 – Un festival nazionale dedicato ai temi della sostenibilità e dell’innovazione in campo ambientale: è “Ravenna 2009. Rifiuti, acqua, energia”, l’iniziativa organizzata da Labelab, laboratorio per la gestione dei rifiuti, dell’acqua e dell’energia, dal 30 settembre al 2 ottobre.In programma una cinquantina di appuntamenti, tra conferenze, workshop, labmeeting, eventi culturali, illustrati questa mattina nel corso di una conferenza stampa in municipio dal sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci, dall’assessore regionale all’Ambiente Lino Zanichelli e da Giovanni Montresori e Mario Sunseri, fondatori di Labelab. All’incontro con i giornalisti era inoltre presente in qualità di testimonial il geologo e conduttore televisivo Mario Tozzi. “Acqua, rifiuti ed energia – ha detto Mario Tozzi – costituiscono il cardine della riconversione ecologica del pianeta. Popolazioni informate e amministratori illuminati, che si facciano adeguatamente supportare nelle loro scelte dalla comunità scientifica, dovranno vincere le sfide che oggi si pongono in questi ambiti, attraverso decisioni coraggiose a tutela dell’interesse della collettività”.“Un evento molto importante, che siamo felici di vedere realizzato proprio a Ravenna – ha detto il sindaco Matteucci nell’aprire la conferenza stampa – Questi temi segneranno la nostra vita per i prossimi decenni. Gli amministratori romagnoli negli anni Settanta, attraverso la realizzazione della diga di Ridracoli, fecero una scelta lungimirante che ha reso il nostro territorio autosufficiente per l’approvvigionamento idrico, ed ora Ravenna è una capitale dell’energia e in particolare nel settore delle energie rinnovabili”.“Iniziative come questa, alla quale saremo direttamente presenti come Regione attraverso due convegni, sono importanti perché danno un forte contributo alla realizzazione della green economy – ha spiegato l’assessore regionale all’Ambiente Lino Zanichelli – ma per centrare questo obiettivo tutti i problemi, dell’economia, della società e dell’ambiente, devono essere affrontati in una logica di rete. La Regione sta lavorando su tre elementi: stabilire regole a tutela dell’ambiente, creare un adeguato senso civico tra i cittadini ma allo stesso tempo prevedere meccanismi di sviluppo dell’economia. Come, ad esempio, i provvedimenti voluti dal ministro Bersani, che hanno consentito di creare in tre anni in Emilia-Romagna attraverso politiche di defiscalizzazione 65 megawatt di fotovoltaico solare termico”.LE INIZIATIVE DI LABELABL’incontro con il padre italiano della progettazione sostenibile Sergio Los; le proposte innovative per la raccolta differenziata adatte per ogni ambiente; le “buone pratiche” locali in campo ambientale e il loro ruolo per il rilancio di un nuovo sviluppo economico; la prima guida per un uso consapevole dell’acqua da bere; il Brasile, esempio di sviluppo sociale ed economico. Sono solo alcuni dei 1.500 progetti, buone pratiche e tecnologie per l’acqua, energia e rifiuti raccolti da Labelab, che saranno presentati a "Ravenna 2009". La manifestazione, quest’anno alla 2a edizione, si svolgerà interamente nel centro storico pedonale di Ravenna, all’interno di dodici sale attrezzate, in un teatro tenda in Piazza del Popolo e al Mar, il Museo d’Arte Moderna di Ravenna. Tutte le iniziative sono gratuite, con l’esclusione solo dei corsi di formazione.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet