Ravenna. Comune e Provincia al centrosinistra


RAVENNA, 17 MAG. 2011 – "Una vittoria ancora più bella di quella del 2006", così Fabrizio Matteucci commenta la sua conferma alla poltrona di sindaco di Ravenna. Una vittoria netta la sua, con il 55% dei voti, ma alla quale mancano ben 13 punti di percentuale rispetto al 68% raccolto cinque anni fa. Allo stesso tempo è abissale il distacco dal secondo candidato sindaco più votato, Nereo Foschini, per il centro destra, che ha raccolto appena il 21,5%. Per il civico Alvaro Ancisi il 10,4% delle preferenze, mentre al candidato del Movimento 5 Stelle Pietro Vandini va il 9,8% dei voti.COSI’ I VOTI DI LISTA. In totale la coalizione che ha sostenuto Matteucci ha incassato circa il 60%. Primo partito il Pd, con poco più del 44% (l’Ulivo cinque anni fa aveva fatto 49,9%). Secondo partito della coalizione il Pri, realtà storica di Ravenna, che ha finora superato il 5% (circa un punto in meno dell’ultima volta). Per Idv, Sel e Federazione per la sinistra, 3% circa a testa con conseguente aumento del primo e leggero calo degli ultimi due se si sommano tutti i partiti di area comunista del 2006. I Laburisti infine (Radicali e Socialisti) si avviano ad attestarsi ben al di sotto dell’1%. Pdl-Lega, hanno ottenuto sostanzialmente la medesima percentuale raggiunta dal loro candidato. Ma mentre la lega è cresciuta nettamente (dall’1,5% a quasi l’8%), il Pdl è calato dal 20,5% di cinque anni fa (con FI+An) a poco più dell’11%. E’ cresciuta la lista civica ‘Per Ravenna’ attestandosi attorno all’8% il cui leader, Alvaro Ancisi, ha superato il 10% della preferenze, sopra anche alle preferenze della coalizione di liste civiche che lo hanno sostenuto (Pensionati, Ravenna in Web e lista civica del Mare). Attorno al 9% i grillini con Pietro Vandini. Sotto il 2% sia il Fli (Gianluca Palazzetti) sia la lista civica Punto a Capo (Samantha Comizzoli).VITTORIA DEL CENTROSINISTRA ANCHE IN PROVINCIA. Conferma del centro sinistra anche alla Provincia, dove Claudio Casadio è stato eletto presidente succedendo così a Francesco Giangrabbi. Anche nel caso del neopresidente i consensi sono in calo rispetto alla scorsa tornata (-8%). Allo stesso tempo il vantaggio sullo sfidante per il centrodestra RudI Cappucci, è enorme: 62% contro il 26,6. Casadio – ex sindaco di Faenza -, nella precedente giunta provinciale era vicepresidente. "Il voto ci assegna una responsabilità importante, quella di proseguire nell’azione amministrativa in un momento di grande difficoltà per le famiglie, le imprese, i lavoratori". Con queste parole il neopresidente, attraverso il sito provinciale del Pd, ha commentato la propria vittoria per la carica di presidente della Provincia di Ravenna.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet