Ravenna, bene i movimenti al porto


Bilancio di fine anno positivo per il porto di Ravenna. Nei primi 11 mesi del 2014, infatti, sono state movimentate 22.756.035 tonnellate di merce, con una crescita di 2.213.239 tonnellate, pari al 10,8%, rispetto ai medesimi mesi del 2013. In particolare gli sbarchi sono stati pari a 19,0 milioni di tonnellate (+8,7%), mentre gli imbarchi ammontano a 3,8 milioni (+22,8%). Positiva anche la movimentazione di novembre che e” stata di 2.014.403 tonnellate, 87.000 in piu” rispetto a novembre 2013 (+4,5%). Il numero delle navi arrivate nei primi 10 mesi e” stata pari a 2.894, 14 in piu” rispetto al 2013. Le merci secche hanno segnato una crescita dell”11,2% (quasi un milione e mezzo di tonnellate in piu”), le rinfuse liquide hanno registrato un aumento del 2,3%, mentre, per le merci unitizzate, quelle in container risultano in crescita dello 0,9% e per quelle su rotabili continua l”eccellente trend di crescita con un +58,3% (oltre 600.000 tonnellate in piu”). L”incremento piu” significativo e” per i prodotti metallurgici, passati da 4,10 a cinque milioni di tonnellate ed in crescita del 22,0%. I quantitativi piu” consistenti, pari a oltre due milioni di tonnellate, provengono sempre dai porti di Taranto, Novorossisk (Russia) e Brema (Germania). In aumento anche i prodotti agricoli, passati da 1,28 a 1,65 milioni di tonnellate (+29,1%) grazie ai quantitativi di frumento (909.000 tonnellate) proveniente perlopiu” da Usa, Bulgaria e Canada, di granoturco (436.000 tonnellate) importato soprattutto dall”Ucraina e di legno in pellet arrivato da Canada e Usa. In crescita anche i combustibili minerali solidi (+60%) e le materie prime per le ceramiche (complessivamente oltre 3,2 milioni di tonnellate).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet