Rapporto Export Sace:”Previsti aumenti dell’8%”


MODENA, 20 MAR. 2013 – Un 2012 difficile, ma non disastroso, grazie all’export che ha compensato il calo della domanda interna. È quanto emerge dall’ultimo rapporto export 2013-2016 elaborato dal gruppo assicurativo finanziario Sace, che si spinge così a parlare di una ripresa lenta e progressiva. Il tasso medio di crescita annuo si attesta al 7,9%. A determinarlo alcuni settori a medio alta-tecnologia, come la meccanica strumentale, che trova in Emilia Romagna casi di eccellenza, ad esempio nel settore alimentare o nella lavorazione delle ceramiche, dove l’aumento stimato è pari ad un +9,7%. Nel focus che Sace ha dedicato all’economia emiliano-romagnola si osserva come sia cresciuto l’export dei mezzi di trasporto, che raggiunge quota 3,8 miliardi euro, in crescita del 14,2% in tutta la regione; percentuale che sale a +16,9% a Modena. Tra i paesi che genereranno le migliori opportunità di crescita per l’export emiliano anche il tradizionale mercato degli Stati Uniti per cui si parla di importi di 3 miliardi (in aumento del 23,5%) a livello regionale, in aumento del 26,4% per la provincia modenese.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet