Quell’occhio elettronico che rende i cantieri più sicuri


5 SET. 2012 – Stimolare il rilancio dell’edilizia e delle costruzioni, dall’altro utilizzare la tecnologia per aumentare i livelli di sicurezza e legalità del lavoro nei cantieri. E’ questo l’obiettivo di un accordo sottoscritto il 5 marzo scorso da Regione Emilia-Romagna e Inail, il primo del genere in Italia, che offre concreti vantaggi alle imprese che introdurranno nei cantieri il sistema elettronico di controllo degli accessi REPAC (il registratore delle presenze autorizzate). Per tenere alta l’attenzione sulle infiltrazioni della criminalità organizzata nel settore edile la Regione, assieme ai prefetti, ha firmato un protocollo d’intesa alla presenza del ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri. Il protocollo va a completare l’attuazione della legge regionale 11/2010 che ha introdotto disposizioni per la promozione della legalità e della semplificazione nel settore edile e delle costruzioni a committenza pubblica e privata.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet