Quegli strani cerchi nel grano


©Trc-TelemodenaMODENA, 10 GIU. 2009 – Nessuna macchia d’olio, nessuna spiga bruciacchiata, solo più cerchi, perfetti, regolari. Saranno anche piccoli e verdi ma si rivelano meccanici ed ingegneri provetti questi alieni. I cerchi sono spuntati dalla notte al dì in un campo di grano al confine tra i territori di Nonantola e Gaggio. "L’è ed là dalla fioma" ha sentenziato il sindaco del primo paese, scaricando l’incombenza sul nuovo primo cittadino di Castelfranco, che tra i primi compiti dovrà appunto affrontare l’emergenza atterraggio extraterrestri. Battute a parte, l’unica cosa certa è che i cerchi ci sono davvero e che, da alcuni giorni, stanno richiamando decine di curiosi. Un fenomeno ancora tutto da spiegare quello delle spighe appiattite, a formare queste grandi sagome nei campi di cereali. E proprio perchè non c’è una spiegazione definita su origine e cause, le ipotesi sono tante e non sono pochi, in tutto il mondo, a pensare che questi pittogrammi siano riconducibili a forme di vita lontane da noi. Così, accanto a chi, galoppando con la fantasia, se ne sta ore ed ore appostato armato di un potente teleobiettivo per cogliere strani luci o movimenti nel cielo, c’è chi ha da subito battezzato i cerchi come l’opera di burloni, per distrarre l’attenzione dal serrato impegno elettorale in corso. Noi non ci sbilanciamo. Lungi dal far pendere l’ago della bilancia su di una versione o l’altra, in pieno rispetto della par condicio non prendiamo posizione. Ma una rivelazione è d’obbligo: il campo di grano in questione si trova in via Bonvino. Solo una casualità?

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet