Prometeia: filiere, attesa crescita del 3% annua


Un biennio, quello 2015-2016, con un incremento del fatturato stimato in un 3% annuo, per le filiere italiane, la cui attività rimane comunque “troppo esposta al rischio geopolitico”. E’ quanto emerge dal rapporto di Prometeia su ‘Industria e Filiere 2014’. A giudizio dell’istituto bolognese, per il 2014, “la crescita a prezzi correnti delle filiere si assesterà su un livello di un 1,8% in più rispetto al 2013, un risultato favorevole che arriva dopo un biennio di flessione”. Tuttavia, viene osservato, resta “ampio il gap rispetto a prima della crisi: 4 punti il dato medio, 30 per l’automotive, 17 per i prodotti per costruzioni, quasi 10 per metalli e legno arredo”. Quanto alla redditività, spiega il rapporto di Prometeia, “per la fine del 2014 viene stimato un Roi”, ossia un ritorno sugli investimenti, “al 3,8% meno della metà di quello del 2007. La mancata redditività – viene puntualizzato – condiziona l’entità e la qualità della ripresa, privando di fatto le imprese delle risorse necessarie a far ripartire il volano degli investimenti, una variabile ormai sempre più necessaria per tenere il passo delle competitività globale”. Guardando alle opportunità per le filiere tricolori, queste “continueranno a passare per il processo di internazionalizzazione, considerando che il premio all’export per le filiere (il differenziale fra domanda interna ed estera) si manterrà oltre i 3 punti per il periodo 2014-2016”. Sul versante della competitività, i casi “più virtuosi”, secondo l’analisi Prometeia, risultano essere la meccanica, la chimica, elettrotecnica mentre più penalizzate risultano essere le filiere dei metalli, del legno arredo e prodotti per le costruzioni. Ad ogni modo, chiosa il rapporto di Prometeia, “un consolidamento della ripresa, almeno tre punti all’anno la crescita attesa per il fatturato nel biennio 2015-2016, rappresenta, insieme a ritrovati orgoglio e visione industriale del Paese, il principale strumento per alleggerire gran parte delle criticità” emerse negli ultimi anni.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet