Processo Eternit al via, la Cgil reggiana organizza un pullman


REGGIO EMILIA, 6 DIC 2009 – La Cgil di Reggio Emilia parteciperà alla prima udienza del processo Eternit, in programma il 10 dicembre a Torino. Dopo un’attesa lunghissima, e dopo il rinvio a giudizio dei due proprietari della società, lo svizzero Stephan Ernest Schmidheiny e il barone belga Jean Marie Luis Ghislain De Cartier De Marchienne, finalmente l’attesa dei familiari delle vittime, degli enti locali e delle altre parti in causa è giunta al termine. Da giovedì, dunque, via alle udienze di un processo che sarà il più grande, per numero di casi trattati e per il ruolo dei dirigenti coinvolti, mai celebrato per questioni legate all’amianto. I due proprietari del gruppo che produceva l’amianto-cemento sono accusati di disastro ambientale doloso permanente e di rimozione volontaria delle cautele. L’Eternit è ritenuto responsabile della morte di circa 3.000 operai e cittadini, colpiti da tumori polmonari per aver respirato le polveri di amianto, dei quali 48 lavoravano presso lo stabilimento di Rubiera.La Cgil di Reggio, che si è costituita parte civile nel processo, al pari della Provincia e del Comune di Rubiera, organizzerà un pullman per Torino, in collaborazione con l’Associazione familiari delle vittime dell’amianto, in modo da consentire la partecipazione diretta della popolazione a una "grande battaglia di civiltà". Per adesioni e iscrizioni all’iniziativa, telefonare a Oriano Lazzaretti 0522/457438 – 347/4994487.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet