Primo Maggio, una giornata particolare


28 APR. 2009 – Venerdì sarà un Primo Maggio piuttosto particolare, perchè arriva dopo un anno di forti tensioni tra le diverse sigle sindacali, che sono culminate nella firma degli accordi separati con il Governo, da cui la Cgil è rimasta fuori. Ma anche perchè arriva quasi un mese dopo il terremoto che ha sconvolto l’Abruzzo. E’ per questo che Cgil, Cisl e Uil hanno deciso di mettere da parte, almeno per 24 ore, le divisioni che le separano e trasformare la Festa dei Lavoratori in una giornata di straordinaria solidarietà per le popolazioni colpite dal sisma.Le Segreterie Nazionali dei tre sindacati, nell’intento di esprimere, attraverso una presenza tangibile, un forte messaggio di sostegno e vicinanza alla popolazione colpita, hanno infatti deciso di realizzare la Manifestazione nazionale del Primo Maggio a l’Aquila. Tale decisione ha anche lo scopo di assicurare il fattivo impegno di Cgil, Cisl e Uil per una ricostruzione in grado di garantire sicurezza, lavoro e sviluppo.La manifestazione si svolgerà nella mattinata di venerdì presso il piazzale della Scuola di formazione permanente della Guardia di Finanza e avrà una caratterizzazione sobria, al fine di testimoniare la presenza del mondo sindacale evitando, al contempo, di arrecare disagi agli sfollati e alle persone impegnate negli interventi di sostegno. In ragione di tale sobrietà, la manifestazione si svolgerà attraverso un momento particolarmente significativo di vicinanza e confronto con la popolazione, al quale seguiranno gli interventi dei tre Segretari Generali di Cgil, Cisl e Uil, Guglielmo Epifani, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet