Il primo bilancio di Coop Alleanza 3.0


“Un bilancio di tenuta e innovazione, che getta le basi per un futuro solido e ricco di opportunità. È il Bilancio 2016 di Coop Alleanza 3.0, il primo della più grande cooperativa di consumatori italiana, nata il 1° gennaio dello scorso anno dalla fusione di Coop Adriatica, Coop Consumatori Nordest e Coop Estense”. Così si legge nella nota che annuncia l’approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione del Bilancio 2016, che ora verrà messo al voto dei soci nelle 192 assemblee separate, al via da oggi, lunedì 29 maggio, fino al 16 giugno: gli appuntamenti sono in calendario in tutto il territorio di presenza della Cooperativa (dal Friuli-Venezia Giulia fino alla Puglia, lungo tutta la Dorsale adriatica). Il Bilancio verrà infine ratificato dall’assemblea generale del 24 giugno, a cui parteciperanno i delegati dei soci eletti nelle assemblee separate.

Il 2016 è stato un anno di transizione per il Paese, che registra una debole ripresa, così come per la Cooperativa, che ha chiuso il suo primo anno con ricavi della gestione caratteristica per 4,7 miliardi (includendo anche le società che operano nella grande distribuzione). A livello di Gruppo (comprendendo cioè anche i risultati nei settori carburanti, turismo, librerie), il valore della produzione del consolidato raggiunge i 5,1 miliardi (+8% sul 2015), il patrimonio netto totale consolidato è di 2,5 miliardi, con un utile che supera i 14,8 milioni. Al 31 dicembre 2016, i soci erano 2,7 milioni (quasi 110 mila i nuovi soci del 2016).
Durante l’anno, la Cooperativa ha messo in campo azioni a tutela dei risparmi dei consumatori, tra le quali anche un importante intervento di abbassamento dei prezzi di 5 mila prodotti tra i più diffusi, avviato a partire dai territori lungo l’asse della via Emilia. Ai soci – che hanno realizzato quasi il 79% delle vendite – sono stati riservati risparmi esclusivi per 161,5 milioni di euro (grazie a promozioni, raccolta punti e iniziative dedicate), che salgono a 480,9 milioni se si considerano anche gli interventi a favore di tutti i consumatori.
Nel corso del 2016, la Cooperativa ha realizzato inoltre una serie di importanti interventi per lo sviluppo, la ristrutturazione e l’innovazione della rete di vendita, per investimenti complessivi per circa 100 milioni di euro (di cui 24 per le regioni del Centro-Sud). Sono stati aperti 19 nuovi negozi ed effettuate 24 ristrutturazioni (compresi i restyling). Un analogo lavoro ha interessato anche gli ipercoop e i supermercati delle società controllate, in particolare per sostenere lo sviluppo della cooperazione nel Centro-Sud, con altre 3 aperture e 10 ristrutturazioni. A fine dicembre 2016 la Cooperativa contava 427 punti vendita in 12 regioni (includendo anche le controllate) e più di 22 mila lavoratori (considerando anche quelli delle società del Gruppo), oltre il 90% circa dei quali assunti con contratti a tempo indeterminato.
Gli interventi sui negozi hanno visto l’inserimento e l’estensione anche di nuovi servizi, per rispondere in maniera sempre più efficace ai bisogni dei soci e di tutti i consumatori, come le aree Salute e benessere, i corner Ottico Coop, i reparti Gioielli Coop, gli spazi bar ristorazione La buona pausa; inoltre, si sta lavorando anche a nuove proposte, come i negozi Coop per animali.
Un altro punto di forza è stata l’attenzione alla sostenibilità ambientale – con l’inaugurazione, anche, di un nuovo negozio “green” a Cervia (Ra) lo scorso ottobre, a cui è seguita, ad aprile 2017, l’apertura a Formigine (Mo) – e alla relazione con i fornitori: oltre 3.000 quelli della Cooperativa, di cui 1.400 locali, valorizzati anche attraverso il progetto Territori.Coop (che mette al centro i migliori prodotti e produttori) e le promozioni “Sapori, si parte!” (che portano nei negozi le eccellenze enogastronomiche italiane).
Il Prestito sociale ha continuato ad essere un istituto apprezzato dai soci: a fine 2016 i libretti erano oltre 460 mila, per un ammontare complessivo di 4,3 miliardi di euro. Il Prestito sociale di Coop Alleanza 3.0 è garantito dal patrimonio della Cooperativa e disciplinato da un Regolamento che ne norma in modo stringente trasparenza e liquidità (vincolo di liquidità non inferiore al 30% e vincolo nell’immobilizzarlo in attrezzature, impianti e partecipazioni non superiore al 30), oltre che da un corposo sistema di controlli e verifiche (anche attraverso organi di vigilanza indipendenti).
Coop Alleanza 3.0 ha continuato inoltre a promuovere numerose iniziative per favorire lo sviluppo di comunità più solidali e sostenibili. Tra gli interventi, anche la donazioni realizzate dai soci con la raccolta punti sulla spesa: in favore delle popolazioni colpite dal terremoto nel Centro Italia (per 743 mila euro) e per gli interventi di solidarietà internazionale (per 335 mila euro).

Nel 2016, inoltre, state gettate le basi per gli interventi che vedranno impegnata la Cooperativa nei prossimi anni.
A partire appunto degli impegni contenuti nel Piano strategico 2017-2019, lanciato lo scorso gennaio, che punta a recuperare competitività e a innovare su molti fronti, per permettere lo sviluppo della cooperazione, grazie a piano di investimenti da 875 milioni di euro, per lo sviluppo, con azioni per tenere bassi i prezzi e aggiornare l’offerta, allo scopo di rispondere con modernità ai bisogni dei soci e di tutti i consumatori. Circa 450 milioni saranno impiegati per il rinnovamento di oltre un terzo dei negozi e lo sviluppo di nuovi servizi.
A febbraio, inoltre, sono partiti due progetti di rilievo: il primo accordo di master franchising, che ha portato i prodotti a marchio Coop in 34 negozi in Calabria grazie all’accordo con Gruppo Az, e l’e-commerce EasyCoop, attivo a Roma, con un’offerta di quasi 13 mila prodotti.
Nell’aprile 2017 si sono svolte le prime elezioni sociali di Coop Alleanza 3.0, che hanno confermato la volontà dei soci di partecipare attivamente alla vita della Cooperativa: in quasi 120 mila hanno votato nei negozi per eleggere 1.041 i loro rappresentanti (presidenti e consiglieri di Zona) nei nuovi 58 Consigli di Zona soci, scegliendo tra oltre 1.900 candidati.
Tra gli interventi, avviati nel 2016 e concretizzatisi all’inizio del 207, anche la riorganizzazione delle società controllate e partecipate, per fare economie di scala e fornire sempre servizi di qualità.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet