Prezzi record dei carburanti: “Sono aumenti inaccettabili”


BOLOGNA, 3 MAR. 2011 – Nuovo record dei caburanti: oggi i prezzi medi si attestano a 1,546 euro al litro per la benzina e a 1,437 euro al litro per il gasolio. Quello applicato oggi da Eni sui prezzi di benzina e gasolio è il quarto aumento consecutivo nel giro di 2 settimane. Quello più importante riguarda proprio il prezzo del gasolio (+0,8 centesimi). Quest’ultimo incremento va ad aggiungersi ai precedenti che hanno determinato un aumento del gasolio del 16% rispetto ad un anno fa e del 26% negli ultimi due anni. E per gli autotrasportatori è ormai notte fonda.  CNA-FITA Emilia Romagna lancia un grido d’allarme: “Se da una parte aumenta il costo del gasolio, che rispetto ai costi aziendali di un’impresa di trasporto ha un’incidenza del 30% – spiega Cinzia Franchini, Presidente Regionale CNA-FITA Emilia Romagna – e contemporaneamente la committenza aumenta i tempi di pagamento, le imprese di trasporto non hanno prospettive e, dopo anni di bilanci magri, rischiano di venire strangolate da questa pericolosa dinamica”. Anche le difficoltà di accesso al credito hanno un peso determinante, in questa fase di vera e propria emergenza. A questi prezzi non si è arrivati nemmeno quando il petrolio si trovava a 147 dollari al barile nel 2008. Oggi il petrolio si trova a quota 102 dollari al barile, ma, anche considerando la rivalutazione del dollaro sull’euro, non ci si avvicina neanche lontanamente ai livelli registrati tre anni fa. “Malgrado i bilanci delle imprese di trasporto siano da anni in forte sofferenza – sottolinea Cinzia Franchini –  i trasportatori lasciano tuttora allo Stato circa 500 milioni l’anno sotto forma di accise. A fronte di questa situazione gli strumenti di determinazione dei cosidetti “costi minimi”  stanno mostrando tutta la loro inefficacia. Così pure come risultano inefficaci gli strumenti recentemente adottati sui tempi di pagamento. La realtà è che le tariffe si stanno abbassando e molte aziende di trasporto ci segnalano che la committenza sta chiedendo una sorta di “contributo di solidarietà” ai trasportatori per abbassare i prezzi. Al danno, poi, si aggiunge la beffa: ogni tanto si legge che i prezzi dei beni di consumo risentiranno degli aumenti a causa dell’incidenza dei costi del trasporto.” La normativa esistente, quella che dovrebbe adattare i costi del trasporto alla dinamica del costo del gasolio, si sta rivelando inefficace. Per questo CNA-FITA  lancia una forte provocazione: occorre uno strumento di compensazione automatico attraverso il recupero delle accise che vada a riequilibrare la dinamica del costo del gasolio in caso di incrementi. Sarebbe un segnale concreto per CNA-FITA di considerazione dell’importanza di un settore che contribuisce per il 7% alla determinazione del PIL del nostro Paese. Per l’associazione degli autotrasportatori CNA occorre inoltre istituire una commissione di verifica che accerti l’esistenza o meno di fenomeni meramente speculativi sul costo del gasolio; si assiste infatti ad un doppio regime: quando il costo del petrolio aumenta, l’adeguamento del costo del gasolio è immediato; quando il costo cala, il prezzo rimane sostanzialmente invariato. Gli spazi per intervenire ci sono. Nei prossimi giorni CNA-FITA intende verificare la disponibilità dei propri interlocutori  a lavorare su questa ipotesi. Una cosa è certa: la categoria dei trasportatori non può resistere ulteriormente.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet