Premio Ilaria Alpi, ecco i finalisti della quindicesima edizione


RICCIONE (RN), 29 MAG. 2009 – Sono stati scelti i finalisti dell’edizione 2009 del Premio Giornalistico Televisivo Ilaria Alpi, in programma dal 18 al 20 giugno al Palacongressi di Riccione. Questo è ormai il quindicesimo anno in cui, attraverso il concorso che porta il suo nome, la cittadina romagnola vuole ricordare l’inviata del Tg3 uccisa in Somalia ai tempi della guerra civile. Assieme all’operatore Miran Hrovatin, che è morto con lei, la Alpi stava indagando su un traffico d’armi e di rifiuti tossici illegali in cui riteneva coinvolti anche l’esercito e altre istituzioni italiane.La giuria del Premio, presieduta da Italo Moretti, si è riunita questa settimana e in tre giornate di intenso lavoro ha visionato e individuato i migliori fra i 233 servizi televisivi nazionali ed internazionali partecipanti. Da quest’anno – grazie alla partnership con Hi-Net, che ha realizzato la piattaforma web del concorso – i video finalisti saranno visibili sul sito http://ilariaalpi.hi-net.it.La categoria miglior reportage italiano è stata divisa in due sezioni. La prima raggruppa i reportage lunghi, e quelli selezionali sono "Il mercato del voto" di Teresa Paoli e Claudia Di Pasquale (Exit, La7), "211: Anna" di Giovanna Massimetti e Paolo Serbandini (Doc 3, RAI 3), "Gaza-Israele" di Luigi Pelazza (Le Iene, Italia 1) e "Modulazione di frequenze" di Bernardo Iovene (Report, RAI 3). Tra i reportage brevi, invece, sono stati scelti "Russia: ritorna l’Impero?" di Flavio Fusi (Agenda del Mondo, RAI 3), "Morire per vivere" di Alfredo Macchi (Password, Rete 4), "Uomini e topi" di Sabrina Provenzani (Controcorrente, Skytg24, Sky) e "Voglia di destra" di Ercole Rocchetti e Luca Lancise (Exit, La7).Per quanto riguarda la Sezione Internazionale, si sfidano "London Calling" di Vincent Guyen e Jean-Sebastien Desbordes (France 2), "Inside Guantanamo" di John Haptas e Jonathan Halperin (National Geographic Hd Canada), "Kindersklaven/Childslaves" di Rebecca Gudish (First Channel (Wdr), Germany) e "Bearing Witness: five years of the Iraq war" di Ayperi Karabuda Ecer e Jassim Ahmad in associazione con MEDIASTORM (Reuters International).Della Sezione Tg, invece, fanno parte "Contabile Hamas" di Marc Innaro (Tg3, RAI 3), "Tunnel di Gaza" di Duilio Giammaria (Tg1, RAI 1), "Fosforo bianco" di Fabio Chiucconi (Tg2, RAI 2) e "Quinta Mafia" di Simona Decina (Sabato e Domenica, RAI 1).E infine, finalisti per il Miglior Servizio delle tv locali e Regionali sono "Rifugiati. Ricominciare con un film, lontano da Kabul" di Cristina Clementi (Trg, Gubbio), "La via dei rifiuti di Mauro Denigris (Antenna Sud, Bari), "Il treno della memoria" di Beppe Stallone (Antenna Sud, Bari) e "Hua-Yi – Seconda generazione" di  Alessio Lasta (Telelombardia, Milano).Poi, nei prossimi giorni, saranno resi noti anche i finalisti delle sezioni Premio Produzione, Premio della Critica, Premio Internazionale Miran Hrovatin per telecineoperatori e Premio Giovani.Al Premio Ilaria Alpi 2009 hanno concorso 271 giornalisti, 175 uomini e 96 donne. Il maggior numero di partecipanti si è registrato nella sezione reportage italiani, con 138 partecipanti per 130 servizi, 12 in più rispetto lo scorso anno. A seguire, le produzioni di emittenti locali (30 servizi), i reportage internazionali (27 reportage di 37 giornalisti) e le produzioni inedite (25).I servizi internazionali sono arrivati da Francia, Germania, Stati Uniti, Svizzera, Brasile, Kenya, Spagna, Romania, Polonia. Mentre per quanto riguarda le produzioni delle tv locali, le regioni più rappresentate sono state Puglia, Campania, Lazio, Lombardia ed Emilia Romagna.Fra gli argomenti trattati ci sono soprattutto temi sociali (47 servizi) e situazioni dal mondo (34). Inoltre, guerre, criminalità organizzata, immigrazione, ambiente.Molto interesse ha suscitato, inoltre, la crisi economica internazionale. Senza dimenticare la vicenda del terremoto in Abruzzo, il mondo del lavoro con al centro il tema delle morti bianche e il sommerso, la sanità, la schiavitù e la libertà di stampa.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet