Premier Gentiloni a Bologna, assaggia prodotti locali


A cinque anni dal sisma del maggio del 2012 che colpì l’Emilia il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, è giunto a Crevalcore, uno dei paesi del Bolognese raggiunto dalle scosse del terremoto. Il premier, come primo appuntamento, si è intrattenuto nella sede della Magneti Marelli dove ha incontrato il management. L’impianto che occupa un’area di 30 mila metri quadrati e conta su 300 dipendenti è dedicata alla produzione di componenti per auto. Nel maggio del 2012, la struttura era stata fortemente compromessa ma in soli sei mesi di lavoro l’azienda era riuscita a completare le operazioni di ricostruzione. Allora vennero stanziati 3,4 milioni di euro dal commissario per la ricostruzione e 1,8 milioni da parte dell’assicurazione dell’azienda. “Teniamo botta: potete contare sulle istituzioni locali e regionali e sul fatto che il Governo farà la sua parte. Non ignoriamo le difficoltà burocratiche e di bilancio ma l’impegno è di esservi vicini per l’ultimo passo, le ultime fasi per riportare questo territorio come uno dei fiori all’occhiello nell’Italia e nel mondo. Grazie per il vostro impegno e per le ultime fasi della ricostruzione saremo con voi”. Così il presidente del Consiglio. Poi piccolo fuoriprogramma per il premier Paolo Gentiloni, oggi in Emilia-Romagna. Lasciando Crevalcore, Gentiloni si è fermato con il governatore Stefano Bonaccini ed il suo braccio destro Andrea Rossi all’autogrill La Pioppa, sull’A 14. Il Presidente del Consiglio, fanno sapere fonti di governo, si è concesso qualche selfie con alcuni tifosi juventini diretti a Torino per la semifinale di Champions e un assaggio di prodotti locali, come il culatello, prima di ripartire in auto alla volta di Bologna

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet