Premafin, i Ligresti cedono il passo a Unipol


19 SET. 2012 – Si chiude il sipario sull’era dei Ligresti in Premafin. I’assemblea degli azionisti della finanziaria si è ieri riunita per nominare i nuovi vertici. Come da copione, la carica di presidente è andata a Pierluigi Stefanini. Controllata dal 19 luglio da Unipol con una quota dell’81 per cento, Premafin non poteva che avere un’assegnazione delle poltrone del Cda prevalentemente bolognese. Dodici su tredici i componenti indicati da Unipol. Si tratta di Roberto Giay – che secondo le attese dovrebbe diventare A.d. – Carlo Cimbri, numero uno della compagnia delle coop, Piero Collina, Marco Pedroni, Ernesto Dalle Rive, Milo Pacchioni, Claudio Levorato, Vanes Galanti, Germana Ravaioli, Rossana Zambelli e Silvia Cipollina.Per la lista di minoranza presentata dalle finanziarie dei Ligresti è stato eletto Luigi Reale. Nei prossimi giorni si riunirà per la prima volta il Cda Premafin di insediamento. Per consegnare le liste di maggioranza in vista del rinnovo del consiglio Fonsai atteso all’assemblea del 29-30 ottobre c’è tempo fino al 4 ottobre, ma è probabile che la riunione si tenga già la prossima settimana.In vista poi del patto di Mediobanca giovedì 20 e di quello Rcs di venerdì, Cimbri ha rimandato al Cda Fonsai per la decisione su chi rappresenterà la compagnia nei due incontri, dove in passato intervenivano, rispettivamente, l’ex presidente Fonsai Jonella Ligresti e l’ex vice presidente Massimo Pini, recentemente scomparso. "Deciderà il consiglio di Fonsai", ha detto.Il prossimo board della compagnia sarà proprio giovedì mattina, a quanto pare in tempo per esprimersi anche su questo tema (anche la Milano riunirà il Cda il 20). Tra le banche del consorzio di garanzia dell’aumento di capitale ‘fotocopia’ di Unipol e Fonsai si respira intanto un clima più tranquillo e, dopo la sistemazione ‘lampo’ della quota proveniente dall’inoptato Fondiaria, venerdì scorso, gli istituti potrebbero prendersi ora il tempo di ricollocare a prezzi più vantaggiosi l’inoptato di Unipol.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet