Eridania Sadam: con Ministero Ambiente per 1 zuccherificio Carbon Footprint


parma 29 marzo Eridania Sadam, sub-holding del gruppo Maccaferri di Bologna, fa parte del pool di 22 aziende assegnatarie del bando pubblico di finanziamento per l’analisi dell’impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti di largo consumo. Un progetto co-finanziato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare con uno stanziamento complessivo pari a 1,6 mln euro.Unica per il settore zucchero, Eridania Sadam, leader del mercato nazionale, con stabilimento produttivo a San Quirico Trecasali (PR) e società che fa capo alla holding Seci di proprietà del Gruppo Industriale Maccaferri di Bologna. Eridania Sadam ha proposto un proprio progetto per la quantificazione e riduzione delle emissioni di gas a effetto serra attraverso l’applicazione del metodo di analisi dell’impronta di carbonio nel ciclo di vita (LCA -Life Cycle Assessment-) dello zucchero Zefiro, lo zucchero premium extrafine, dalle materie prime fino allo smaltimento dei relativi imballaggi. Le strategie produttive e di sviluppo di Eridania Sadam sono orientate alla sostenibilità ambientale e allo sviluppo di un modello di impresa eco responsabile i cui principali obiettivi sono una gestione attenta agli impatti ambientali della filiera bieticola e la promozione dei piani colturali agro-energetici, oltre alla tutela e la promozione dell’occupazione locale. Una mission avviata con il piano di modernizzazione dello stabilimento di San Quirico (PR), trasformato in polo multifunzionale bio-energetico per la produzione di zucchero ed energia attraverso l’installazione di un sistema cogenerativo alimentato a metano, per la produzione dell’energia elettrica e del calore necessari al processo di trasformazione delle barbabietole; l’impianto a biogas di 0,99 MWe, alimentato dalle polpe, colletti e foglie di barbabietola da zucchero; l’impianto fotovoltaico da 4,5 MWp. Tre interventi che si traducono nella produzione annua di circa 13.000 MWh e di energia da fonti rinnovabili o a ridotto impatto.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet