LISTINO SENZA “BUONGIORNO”


PARMA 27 AGOSTO Con riferimento alla procedura congiunta per l’adempimento dell’obbligo di acquisto ai sensi dell’articolo 108, comma 1, del TUF e contestuale esercizio del diritto di acquisto ai sensi dell’articolo 111 del TUF (la “Procedura Congiunta”) da parte di DOCOMO Deutschland GmbH (l’”Offerente”) avente ad oggetto n. 3.232.109 azioni ordinarie di Buongiorno S.p.A. (l’”Emittente”), rappresentanti il 2,891% del capitale sociale dell’Emittente (le “Azioni Rimanenti”), l’Offerente ha confermato, in data odierna, all’Emittente l’avvenuto deposito e la disponibilità delle somme per il pagamento del corrispettivo della Procedura Congiunta sul conto corrente vincolato aperto presso UniCredit Bank AG – Milano.Come indicato nel comunicato diffuso in data 9 agosto 2012, il prezzo, che è stato depositato nel sopra menzionato conto corrente vincolato per l’acquisto delle Azioni Rimanenti, è pari ad Euro 2,00 per ciascuna Azione Rimanente, ai sensi dell’articolo 108, comma 3, del TUF (il “Prezzo per la Procedura Congiunta”).L’ammontare massimo che verrà pagato per la Procedura Congiunta è pari ad Euro 6.464.218 (l’”Ammontare Massimo”). A fronte del versamento dell’Ammontare Massimo sul conto corrente vincolato, UniCredit S.p.A. si è impegnata irrevocabilmente ed incondizionatamente a corrispondere, inter alia, le somme necessarie per il pagamento dei possessori delle Azioni Rimanenti nell’ambito della Procedura Congiunta.A partire dalla data del presente comunicato (i) la Procedura Congiunta diviene efficace, (ii) la titolarità delle Azioni Rimanenti verrà trasferita dagli azionisti titolari delle stesse all’Offerente e (iii) Buongiorno provvederà all’aggiornamento del libro soci.Ai sensi dell’articolo 2949 del codice civile, decorso il termine di prescrizione quinquennale dalla data di deposito dell’Ammontare Massimo, l’Offerente avrà diritto di ottenere la restituzione delle somme depositate e non riscosse dagli aventi diritto, salvo quanto disposto dagli articoli 2941 e seguenti del codice civile.Alla data del presente comunicato, il Prezzo per la Procedura Congiunta verrà pagato in denaro dall’Offerente all’Intermediario Incaricato del Coordinamento della Raccolta delle Richieste di Vendita e le banche intermediarie incaricate della raccolta delle richieste di vendita e, ove possibile, attraverso tali banche, agli intermediari depositari delle Azioni Rimanenti. L’obbligazione dell’Offerente di pagare il Prezzo della Procedura Congiunta agli azionisti dell’Emittente si intenderà adempiuta nel momento in cui relativo Prezzo della Procedura Congiunta sarà stato trasferito a tali banche. Resta ad esclusivo carico degli azionisti il rischio che le banche non provvedano a ritrasferire tali somme agli aventi diritto o ne ritardino il trasferimento.Con la risoluzione n. 7545 approvata da Borsa Italiana S.p.A. in data 9 agosto 2012, Borsa Italiana S.p.A. ha revocato le azioni dell’Emittente dalla quotazione a partire dalla data del presente comunicato, avendo sospeso le azioni dalle negoziazioni nelle sedute del 17 agosto 2012, 20 agosto 2012 e 21 agosto 2012.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet