AVANZANO I CANTIERI DELLA PIZZAROTTI IN SVIZZERA


PARMA 26 AGOSTO L’impresa Pizzaotti di Parma sta concludendo in tempi record i lavori per Alptransit, l’avveniristico collegamento ferroviario transalpino (contiene la galleria più lunga del mondo, 57 km) che quindi aprirà con un anno di anticipo, alla fine del 2016. La notizia rimbalza dalla Svizzera attraverso il Sole24Ore e questa volta non basta la proverbiale puntualità elvetica per spiegare i tempi record: ci sono infatti importanti contributi italiani alla realizzazione di Alptransit. In particolare la Pizzarotti ha partecipato alla realizzazione di ben tre lotti di lavori: la discenderia di Faido (con una partecipazione del 90% e un importo complessivo di 51 mln di franchi svizzeri), la tratta in materiale sciolto di Bodio (partecipazione del 70%, importo complessivo 58 mln di franchi) e soprattutto il tunnel Sedrun, che comprende due gallerie di 6,3 km la cui realizzazione è ancora in corso (partecipazione del 14%, importo complessivo 1,25 mld di franchi svizzeri).Il tunnel, costato 7 miliardi, è parte del più ampio progetto del “Corridoio 24”, il piano europeo per il trasporto ad alta velocità di merci e passeggeri da Genova a Rotterdam. La più lunga galleria del mondo, cominciata 10 anni fa, si unisce infatti a quelle del Ltschberg (attiva dal 2007) e del Monte Ceneri (2019), che danno vita alla Nuova Trasversale Ferroviaria Alpina (13 miliardi di euro, 1% del Pil svizzero, autofinanziata con tassa sul traffico pesante, imposta sugli oli minerali e l’1 per mille dell’Iva) che, grazie alla pendenza ridotta a 550 metri sul livello del mare, permette di attraversare le Alpi più velocemente e usando meno energia.Due dei lotti affidati alla Pizzarotti (Faido e Bodio) sono stati conclusi da tempo, rispettivamente nel novembre 2001 e nel settembre 2003. Mentre è di pochi mesi fa la rottura dell’ultimo diaframma della galleria di 57 km, che sarà la più lunga al mondi. In particolare, il lotto 360 per il tunnel di Sedrun presentava una logistica di cantiere estremamente impegnativa ma nonostante questo i tempi di realizzazione saranno più veloci del previsto.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet