I VINI DEI COLLI DI PAMA “DOC” DA TRENT’ANNI


PARMA 26 NOVEMBRE Il Consorzio per la tutela dei vini dei colli di Parma celebra il 30° anniversario della Doc Venerdì 30 novembre (ore 10
Camera di Commercio Parma).Riconosciuta nel 1982, la Doc ‘Colli di Parma’ annovera vini rossi e bianchi prodotti nei territori collinari. La zona tipica è quella della provincia di Parma compresa fra i fiumi Enza ad est e Stirone a ovest, ovvero la culla della viticoltura più tipica ed anticamente nota del parmense. L’altitudine varia fra i 200 e gli 800 metri sul livello del mare e comprende tutti i Comuni che hanno terreni compresi in questa fascia. 
I territori con la più alta densità di vigneti sono quelli delle valli dei fiumi Parma e Baganza con i Comuni di Langhirano (zona di Torrechiara e Casatico), Felino (zona di Barbiano), Sala Baganza (zona di Maiatico e Boschi di Carrega).La produzione principale riguarda la Malvasia, chiamata come l’omonimo vitigno Malvasia di Candia aromatica in purezza o con aggiunta di Moscato bianco (max 15%). E’ prodotto anche nella tipologia Spumante seccoe amabile.Altro bianco della Doc è il Sauvignon, ottenuto anche con metodo Champenoise nella versione Spumante.Il Rosso Colli di Parma – Barbera (60-75%) e Bonarda (25-40%) – è un vino fresco e profumato.Oggi la Doc, ampliata, comprende Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Pinot Nero, Merlot, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Barbera, Bonarda , Spumante e Lambrusco.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet