BCC- Chiusa l’OPS per Banca di Parma Raggiunti 1.105 soci


PARMA 21 OTTOBRE 1.105 soci per un capitale sociale di 4.094.400 euro. Sono questi i numeri con cui si presenta il Comitato promotore della costituenda Banca di Parma – Credito Cooperativo, alla chiusura dell’offerta di pubblica sottoscrizione.“Il risultato che abbiamo raggiunto è notevole, forse impensabile, quando abbiamo iniziato a ragionare su questo progetto, va ben aldilà delle nostre previsioni. Siamo davvero molto soddisfatti, ma il nostro lavoro non si chiude qui. Ora ha inizio l’effettivo versamento del capitale sociale da parte dei sottoscrittori e, successivamente, la preparazione dell’assemblea di costituzione. Quindi ci sarà l’ultima fase autorizzativa da parte della Banca d’Italia che auspichiamo possa accogliere positivamente il nostro progetto così come è stato per Consob quando ci ha autorizzato alla raccolta del capitale. Crediamo che Banca di Parma possa essere operativa dal prossimo giugno luglio 2012”. Questo il commento a caldo di Alfredo Alessandrini, presidente del Comitato Promotore.“Siamo molto orgogliosi soprattutto del fatto che in questo progetto si sono riconosciute e sono entrate tantissime tipologie di persone, d’imprese, di associazioni, di fondazioni – ha aggiunto Pier Luigi Casa, membro del Consiglio direttivo con delega alle relazioni con il mercato e organizzazione. Il tanto agognato sistema Parma è presente nella compagine sociale della nuova Banca cui hanno aderito, infatti, i piccoli imprenditori ma anche i grandi, tutte le associazioni di categoria del mondo imprenditoriale del commercio, dell’artigianato, dell’industria e dell’agricoltura, delle cooperative, numerosissimi professionisti e soprattutto tantissime famiglie. A tutti rivolgiamo il più sincero ringraziamento per la fiducia che ci hanno dimostrato”.Sì è chiusa, infatti, lunedì scorso 17 ottobre alle 18 l’OPS di azioni della costituenda Banca di Parma – Credito Cooperativo che ha piazzato 40.944 azioni del valore nominale di 100 euro ciascuna. Gli ultimi passi del comitato promotore, sanciti dagli articoli 2333, 2334 e 2335 del codice civile, saranno quelli di richiedere, a mezzo raccomandata, il versamento delle quote sottoscritte dai soci su un conto corrente indisponibile presso Cariparma Crédit Agricole.L’Assemblea di costituzione della Banca di Parma, riservata ai soci, sì terrà martedì 20 dicembre 2011, alle 15 allo Star Hotel du Parc di Parma. L’assemblea dei sottoscrittori, una volta accertata l’esistenza delle condizioni richieste per la costituzione della società, delibererà sul contenuto dell’atto costitutivo e dello statuto e nominerà gli amministratori ed i sindaci. Quindi a Banca già costituita, ma non operativa, seguirà l’iter autorizzativo da parte di Banca d’Italia.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet