Aumento di capitale di Unione Alberghi Italiani :sottoscritto il 67,68% delle azioni ordinarie offerte


PARMA 2 GENNAIO Unione Alberghi Italiani S.p.A. (“UAI”), società di investimento con azioni ordinarie e warrant quotati su AIM Italia – Mercato Alternativo del Capitale, rende noto che in data odierna si è conclusa l’offerta in opzione agli aventi diritto delle azioni ordinarie UAI, rivenienti dall’aumento di capitale deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 14 novembre 2012, in esecuzione della delega ex articolo 2443 cod. civ. conferitagli dall’Assemblea Straordinaria dei Soci del 4 giugno 2012.Durante il periodo di offerta in opzione, iniziato il 19 novembre 2012 e concluso il 19 dicembre 2012, sono stati esercitati n. 4.717.566 diritti di opzione e pertanto sono state sottoscritte corrispondenti n. 14.152.698 azioni ordinarie UAI di nuova emissione.Si ricorda che l’Azionista Re.Al.Gest S.r.l. (titolare al 19 novembre 2012 di n. 2.285.692 azioni ordinarie UAI S.p.A., pari a circa il 26,69% del capitale sociale) ha sottoscritto parzialmente la propria quota di competenza dell’aumento di capitale in oggetto per un importo pari ad Euro 409.779,00, avendo già versato tale somma in conto aumento di capitale, alla quale corrispondonocomplessivamente n. 6.152.838 azioni ordinarie UAI di nuova emissione.Tenuto conto della quota di competenza dell’aumento di capitale in oggetto sottoscritta da Re.Al.Gest S.r.l., come sopra descritta, e dei diritti di opzione esercitati dal mercato, durante il periodo di offerta in opzione sono state sottoscritte n. 20.305.536 azioni ordinarie UAI di nuova emissione, pari a circa il 67,68% delle n. 30.000.492 azioni offerte, per un controvalore complessivo pari a euro 1.352.348,69.Al termine del periodo di offerta, risultano pertanto non esercitati n. 3.231.652 diritti di opzione, i quali danno diritto a sottoscrivere n. 9.694.956 azioni ordinarie UAI di nuova emissione, che ai sensi dell’art. 2441, terzo comma, del codice civile, saranno assegnate a coloro che hanno esercitato il diritto di prelazione.Sulla base delle informazioni disponibili alla Società, alla data odierna risultano essere pervenute richieste di esercizio del diritto di prelazione per complessive n. 30.400 azioni ordinarie UAI di nuova emissione.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet