CHIESI: NEL 2010 OLTRE 1 MLD


PARMA 19 APRILE Chiesi Farmaceutici ha chiuso il 2010 con un fatturato consolidato di 1.015 milioni di euro, in crescita del 16,4% rispetto al 2009. Lo spiega una nota della società farmaceutica, principalmente attiva nelle aree terapeutiche respiratoria e cardiologica e nelle malattie specialistiche. I risultati del consuntivo 2010 evidenziano e confermano l’andamento positivo del gruppo, che ha realizzato oltre il 70% del fatturato dell’esercizio al di fuori dell’Italia, con una crescita concentrata soprattutto sui mercati internazionali. Anche nel 2010 la crescita del gruppo è stata trainata dai prodotti frutto della ricerca interna, dice la nota di Chiesi: «in particolare Foster, indicato per il trattamento dell’asma, è stato lanciato anche in Brasile, Polonia e Croazia, consolidando gli ottimi risultati nei mercati dove già presente, e ha ottenuto l’indicazione per la broncopneumopatia cronica ostruttiva in Turchia. Globalmente, le vendite sono cresciute del 33% sul 2009.La diffusione di Curosurf, leader mondiale nel trattamento della sindrome da distress respiratorio nei neonati prematuri, è aumentata del 30%».Le attività di R&D (ricerca e sviluppo) sono cresciute anche nel corso del 2010, con un’incidenza sul fatturato pari al 14,8% per un valore di 150,3 milioni di euro.«A testimonianza di questo impegno nel 2010 – dice il gruppo – per il quarto anno consecutivo Chiesi è al primo posto tra gli investitori italiani in Ricerca & Sviluppo del settore farmaceutico, collocandosi all’ottavo posto nella graduatoria tra i maggiori gruppi nazionali di ogni settore e al quattordicesimo tra le multinazionali farmaceutiche in Europa.Oltre a celebrare il 75° anniversario della propria attività, nel 2010 il gruppo ha avviato le operazioni nella nuova consociata Chiesi Belgio SA. A gennaio ha ricevuto il Research & Development Award da parte di UK Trade & Investment per aver attivato il laboratorio di ricerca di Chippenham.In dettaglio, nel 2010 sono state depositate 193 domande di brevetto e sono stati ottenuti 21 nuovi brevetti originali, a consolidamento del patrimonio intellettuale del gruppo.Durante l’esercizio sono proseguiti, nel rispetto dei tempi programmati, i lavori per la costruzione del nuovo Centro di Ricerche di Parma, destinato a ospitare oltre 300 ricercatori. Il centro sarà operativo dal prossimo luglio e sarà inaugurato ufficialmente a settembre. «Tra i fattori di successo dell’azienda – dice la nota – si conferma sempre l’estrema attenzione verso i propri dipendenti, oggi oltre 3.700 con un incremento del 6% rispetto al 2009: questa situazione è testimoniata, per il terzo anno consecutivo, dalla conquista del riconoscimento Top Employer 2011 per le condizioni di lavoro, la flessibilità e le opportunità di carriera offerte dall’azienda».«Il 2010 è stato caratterizzato dal raggiungimento del miliardo di euro di fatturato e da una sempre più pronunciata presenza al di fuori del mercato italiano, fino a superare il 70% del fatturato – ha commentato Alberto Chiesi, presidente e amministratore del gruppo -. Il 75° anniversario è stato celebrato con il raggiungimento di questi importanti obiettivi che rappresentano, allo stesso tempo, due validi presupposti per la crescita futura. Il gruppo intende continuare la sua politica di crescita sostenibile nel tempo con un piano di investimenti che, per il 2011, si concentrerà sul completamento del Centro Ricerche, sulla linea di produzione per Foster DPI e sul progetto di rinnovamento della piattaforma informatica aziendale».

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet