PARMALAT – BONDI INSISTE CON LE CAUSE SUL CRACK IN USA


COLLECCHIO 19 GENNAIO La Corte d’Appello del Secondo Circuito ha deciso, in data 18 gennaio 2011, che il TribunaleFederale Distrettuale di New York ha erroneamente applicato la legge fallimentare (americana)quando decise di trattenere la causa sotto la giurisdizione federale, in contrasto con la posizione diParmalat che il Tribunale Federale avrebbe dovuto astenersi dal trattare il merito di questa causain quanto ciò spetterebbe al Tribunale dello Stato dell’Illinois, dove Parmalat aveva iniziato lacausa. La Corte d’Appello ha rimandato al Tribunale Distrettuale di New York, affinché questoriconsideri, applicando lo standard corretto, la domanda di astensione avanzata da Parmalat.Con questa decisione, la Corte d’Appello riapre la possibilità che, dopo il riesame da parte delTribunale Distrettuale, la causa ritorni, per un pieno esame del merito, nel Tribunale Stataledell’Illinois al quale, come Parmalat ha fin dall’inizio ritenuto, appartiene la competenza perdecidere.Parmalat esprime soddisfazione per il risultato ottenuto. La causa continuerà ora in sede di rinvio.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet