ALLE FIERE DI PARMA TORNA IL SALONE DEL MOBILE


PARMA 17 GENNAIO Fervono i preparativi per la progettazione e l’organizzazione della nona edizione del Salone del Mobile di Parma che si svolgerà dal 29 gennaio al 6 febbraio 2011 nei padiglioni più moderni del quartiere fieristico di Fiere di Parma.All’atteso appuntamento annuale, organizzato da Fiere di Parma e Orgacom, saranno proposte tutte le novità per arredare e vivere la propria casa al meglio: arredamenti e complementi d’arredo classici e moderni, illuminazione decorativa per l’interno e l’outdoor, soluzioni per piccoli spazi, ecologia e risparmio energetico, bioarchitettura e benessere. Un autentico “temporary shop” di circa 25.000 mq a disposizione di quanti intendono rinnovare la propria casa con creatività, senza escludere il proprio benessere psico-fisico. Seguendo attentamente i trend di mercato e ponendo grande attenzione alle aspettative dei numerosi visitatori che anno dopo anno decretano il successo del Salone del Mobile di Parma, gli organizzatori stanno dando vita ad un’edizione 2011 ancora più ricca di contenuti. Prendendo spunto da una ricerca condotta nel 2010 dall’Istituto di Ricerca e Consulenza Strategica GPF di Milano, tra le tante novità, al prossimo Salone del Mobile di Parma ci sarà proprio uno spazio dedicato a tematiche connesse ai concetti di Abitare e Benessere.I dati elaborati da GPF evidenziano che “la casa” si attesta al secondo posto quale fonte di felicità importante per gli italiani (51% del tutto-molto soddisfatti della casa in cui abitano), preceduta dalla famiglia e dagli affetti (72% di italiani sono del tutto-molto soddisfatti); per mantenersi invece in “buona salute” anche una casa sostenibile, costruita con materiali ecologici, è considerato un fattore sempre più importante (+7% rispetto al 2009). “La casa è come il nostro corpo perché assolve a tutte le funzioni necessarie per la nostra sopravvivenza e qualità della vita. La casa nelle sue molteplici articolazioni è metafora costante dell’accoglienza e del benessere in tutte le culture e in ogni periodo.” – sottolinea Marilena Colussi, Senior Consultant di GPF – “In un contesto ambientale fortemente compromesso dai vari tipi di inquinamento, la casa del futuro mira a diventare luogo sempre più decontaminato e a basso impatto energetico. Estetica e Confort si confrontano sempre di più con la sostenibilità e l’etica”.Il tema “Bioarchitettura – Cromoarredo – Feng Shui e Benessere” sarà curato da LASU di Parma (Libera Accademia delle Scienze Umane, scuola di counseling professionale accreditata dal CNCP) che illustrerà le proprie attività volte alla crescita personale e all’olismo unitamente a quelle discipline relative all’arredamento e all’abitare che hanno come obiettivo il benessere della persona. Con il “Feng-Shui” e la “Cromoterapia” si potranno apprendere le tecniche per disporre gli arredi della propria casa in modo che l’energia possa scorrere senza intoppi creando spazi abitativi che non sono solo agglomerati di forme, colori, finiture e materiali ma ambienti in sintonia con chi vi abita, che rispecchiano e facilitano le personali aspirazioni facilitando il naturale processo di crescita, cambiamento e miglioramento del proprio stile di vita, favorendo la tranquillità, il sonno e la salute. Architetti ed Interior Designer sono oggi sempre più sensibili alla scelta dei colori da utilizzare in un determinato spazio, affinché si possa agevolare un particolare stato di attivazione, piuttosto che rilassamento o risveglio energetico. La “bioarchitettura”, pratica architettonica rispettosa dei principi della sostenibilità, ha invece l’obiettivo di instaurare un rapporto equilibrato tra l’ambiente ed il costruito. Alcuni dei principi progettuali alla base della bioarchitettura sono l’ottimizzazione del rapporto tra l’edificio ed il contesto nel quale viene inserito; favorire la qualità della vita ed il benessere psico-fisico dell’uomo; la salvaguardia dell’ecosistema; l’impiego di risorse naturali (acqua, vegetazione, clima); non causare emissioni dannose (fumi, gas, acque di scarico, rifiuti); progettazione di edifici flessibili ad eventuali rimozioni, sostituzioni o integrazioni degli impianti, e a possibili ampliamenti o cambiamenti di destinazione d’uso; prevedere un diffuso impiego di fonti energetiche rinnovabili; l’utilizzo di materiali e tecniche ecocompatibili, preferibilmente appartenenti alla cultura materiale locale, nonché il riutilizzo di materiali di recupero per una gestione ecologica delle risorse.Al Salone de Mobile 2011 di Parma ci sarà anche il mondo degli acquari e dell’acquariofilia: entrati ormai a far parte nel mondo dei complementi d’arredo di grande impatto con i loro riflessi di luce e colori, per il mondo affascinante che contengono, sono vissuti anche come un hobby particolarmente rilassante contribuendo al benessere individuale.La scelta di Fiere di Parma di dedicare uno spazio a questa realtà nasce dalla sua progressiva espansione sul mercato e dall’oggettivo interesse che ne è derivato negli ultimi anni; l’idea è fornire una nuova fonte di ispirazione nel settore dell’arredamento. Il concetto di arredare, in quest’ottica, aderisce sempre maggiormente all’idea di definire la propria casa come luogo ‘secondo natura’, dove incrementare tutti gli elementi che costituiscono una fonte di benessere, relax e pausa dai ritmi concitati della quotidianità. L’acqua come fonte di vita rende ancora più sensibile la percezione di questo settore come affine alla natura di ogni visitatore, oltre ad essere un prodotto che affascina persone di tutte le età: Fiere di Parma invita dunque a scoprire la bellezza e l’innovazione non solo di questi prodotti ma di tutto il settore.Al Salone del Mobile 2011 saranno riproposte 3 sezioni collaterali a tema che hanno riscosso elevato interesse nelle scorse edizioni: ViviMeglio, rassegna dedicata al risparmio energetico per una casa che oggi passa attraverso tecnologie come il fotovoltaico e parla i linguaggi della domotica con soluzioni ecocompatibili e in grado di ridurre al minimo i consumi energetici; ViviVerde, dedicata all’esterno casa e al verde domestico; ViviSposi, rivolta alle coppie che stanno per formare una famiglia, con proposte e creazioni che spaziano dal classico al’eclettico, per rendere il proprio matrimonio veramente indimenticabile. L’edizione 2011 del Salone del Mobile, inoltre, proporrà ai visitatori numerosi servizi per rendere ancora più gradevole e facile la ricerca della migliore soluzione alle proprie esigenze ad un prezzo competitivo. Sarà possibile infatti consumare il pranzo o la cena all’interno del quartiere fieristico di Fiere di Parma, senza interrompere con tempi lunghi la visita al Salone, approfittando della pausa per valutare e decidere un eventuale acquisto, concedendosi degustazioni di qualità “a tema”, con menu appositamente studiati per i visitatori e ad un prezzo molto vantaggioso. Sabato 10.30-22.00 
Domenica 10.30 – 20.30 
dal Lunedì al Venerdì 17.30-22.00Biglietto intero: 6,00 euro 
Biglietto ridotto acquistabile on line: 2,50 euro 
I possessori di invito, scaricabile anche dal sito di manifestazione, accompagnati potranno entrare gratuitamente dal lunedì al venerdì e fruire di una riduzione il sabato e la domenica (6,00 euro in due)www.salonedelmobile.net

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet