PROVINCIA PR Le imprese del Parmense più forti in Russia e Brasile


PARMA 13 OTTOBRE Dodici imprese del Parmense stanno per diventare ancora più competitive sui mercati esteri. La Regione ha infatti stanziato recentemente oltre 3 milioni di euro a sostegno di 24 progetti di internazionalizzazione di aggregazioni di imprese: di questi, due sono stati proposti da alcune realtà della provincia di Parma. In particolare, i progetti, promossi dalla Provincia con la collaborazione di Soprip spa, riguardano lo sviluppo di azioni di penetrazione di 12 aziende sui mercati della Russia e del Brasile in due importanti settori della nostra economia: quello dell’abbigliamento e quello alimentare.“In un periodo difficile come questo è importante per le nostre imprese riuscire a competere sul mercato estero. Grazie a questi finanziamenti 12 imprese potranno farlo ed è importante che lo facciano insieme – afferma il vicepresidente della Provincia Pier Luigi Ferrari -. L’aggregazione tra imprese permette infatti di massimizzare le forze, produrre sinergie gestionali ed economiche, sviluppare una metodologia condivisa e ridurre i costi a carico delle singole aziende”. In questo modo quindi ciascuna potrà acquisire una conoscenza approfondita dei mercati esteri “bersaglio”, concretizzare azioni commerciali e ampliare la propria quota di mercato. Il progetto del settore dell’abbigliamento “Mier fashion selecter” prevede un intervento di sviluppo sul mercato russo, grazie anche allo stretto coordinamento con Giuseppe Pavarani del Consorzio Parma Couture. Le imprese interessate sono: Maglificio Musetti, G.a. Fashion belts, Ave caprice, Parma makers, Sabri e Lory srl, Vl Collection srl. Per questo riguarda il settore dell’alimentare, e in particolare il mondo dei prosciuttifici, è stato finanziato il progetto “Pro Brasil 3” di sei imprese: Eli Prosciutti spa, Ghirardi Onesto spa, Salumificio Giordano, San Nicola spa, Slega e Tanara Giancarlo spa. Le sei aziende lavoreranno insieme in un progetto di sviluppo in Brasile. I due progetti, finanziati dalla Regione per oltre 150mila euro, dovranno concludersi entro ottobre 2012.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet