cariparma – Nasce “buonoPerchè”, progetto innovativo di filiera corta per la produzione del parmigiano reggiano


parma 12 maggio Rafforzare l’integrazione tra i diversi soggetti che operano nella filiera, razionalizzare il ciclo produttivo, valorizzare la qualità e la salubrità dei prodotti azzerando l’impatto ambientale. Sono questi gli obiettivi di “BuonoPerchè”, un progetto innovativo di filiera corta per la produzione del Parmigiano Reggiano e dei suoi derivati, che coinvolge per la prima volta insieme allevatori, produttori e distributori di prodotti lattiero-caseari della provincia di Parma.L’operazione ha coinvolto, nello specifico, 5 aziende agricole nel Comune di Fidenza, nella Val Parola, il caseificio Sociale Coduro di Fidenza e la Società di distribuzione Errefood di Parma con i marchi commerciali “Noi da Parma”, “Agrinascente” e “Latteria 55”. I soggetti coinvolti distano gli uni dagli altri al massimo 20 km.Il progetto di filiera è stato realizzato grazie al fondamentale sostegno di Cariparma Crédit Agricole, banca di riferimento per il settore agricolo, e Coldiretti Parma attraverso CreditAgri Emilia Romagna, l’Associazione che raggruppa i Confidi e le società di mediazione creditizia di cui la banca è partner consolidato a livello nazionale, che hanno operato in sinergia per finanziare l’operazione.Data la sua valenza e il carattere innovativo, il progetto ha ottenuto anche il finanziamento dell’Unione Europea attraverso le misure previste dal Piano Regionale di Sviluppo Rurale, gestito a livello locale dalla Regione Emilia-Romagna e dalla Provincia di Parma.”L’ agroalimentare – ha dichiarato Massimo Tripuzzi, Direttore Centrale Retail Private di Cariparma – è un comparto strategico per il Gruppo Cariparma Crédit Agricole, che si trova al centro di alcuni dei principali distretti agroalimentari italiani e che proprio per questo ha maturato un’esperienza diretta delle esigenze della filiera, forte anche della grande esperienza nel settore della capogruppo Crédit Agricole. Il nostro approccio di banca di prossimità al settore agricolo è caratterizzato da tre fondamentali aspetti: un grande lavoro di squadra, una stretta collaborazione con le Associazioni di categoria come Coldiretti, un modello di servizio che garantisce una consulenza specifica attraverso strutture, processi e servizi dedicati. Il progetto di filiera corta presentato oggi rappresenta un esempio eccellente della nostra capacità di rispondere in maniera puntuale alle esigenze delle imprese del settore per valorizzare le eccellenze del territorio”.“buonoPerchè”, così è stata denominata la linea di prodotti caseari, è il risultato di un accordo tra tutti i soggetti che partecipano alla filiera di produzione del formaggio Parmigiano Reggiano, ciascuno con un ruolo specifico strettamente connesso a quello svolto dagli altri. L’accordo, infatti, prevede:- per le aziende agricole l’impegno a fornire una materia prima di assoluta qualità, senza impiego di mangimi OGM e utilizzando tecniche di coltivazione e allevamento tradizionali- per il caseificio l’onere di avviare processi di diversificazione della produzione ampliando il paniere di prodotti e recuperando il valore aggiunto derivante dai sottoprodotti della lavorazione principali come burro, caciotte, formaggi molli, yogurt, ricotta- per la società di distribuzione il compito di garantire l’ottimizzazione di tutte le fasi di distribuzione ai punti vendita e l’impegno a comunicare al consumatore finale la qualità e la salubrità dei prodottiPROGETTI DI FILIERAI progetti di filiera sono basati su un accordo contrattuale tra imprese che operano nell’ambito di uno stesso segmento produttivo e presuppongono un’aggregazione fra i differenti soggetti economici che assumono così specifici impegni in funzione di obiettivi comuni.I progetti di filiera puntano al miglioramento della fase di commercializzazione e distribuzione del prodotto, di realizzazione di nuovi prodotti e, in relazione alle caratteristiche delle singole aggregazioni, propongono interventi di rafforzamento dell’efficienza produttiva, di ammodernamento e di riduzione dei costi, di minimizzazione dell’impatto ambientale.Nello specifico , il progetto valorizza i prodotti agricoli italiani tipici della nostra provincia, rafforzandone il legame con il territorio di origine, garantendo nel contempo una giusta redditività per le aziende agricole e la fornitura di prodotti di qualità ai consumatori.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet