Buongiorno si afferma come una delle società più importanti di Tech City, la Silicon Valley inglese


PARMA 11 MAGGIO David Willetts, il Ministro britannico per l’Università e la Scienza, ha partecipato all’evento“Social Catch-up” presso gli uffici di Buongiorno a Shoreditch, Londra a conferma che la multinazionaleleader nel mobile internet è una delle principali realtà di Tech City, nell’East End londinese.Nel 2010, il Governo Britannico ha annunciato un programma per sostenere la tecnologia – che include un piano per losviluppo di una Tech City nell’East End londinese. A Shoreditch, nel cuore della Tech City, ci sono già circa 200aziende di tecnologia, e in quest’area c’è già una tra le maggiori concentrazioni di aziende focalizzate nell’industriadigitale europea, caratterizzate da un rapido tasso di crescita.”Il Regno Unito da sempre richiama gli imprenditori più dinamici nel mondo della tecnologia, e Buongiorno è stata tra leprime aziende a crederci, trasferendo la propria sede a Shoreditch – ha dichiarato il Ministro David Willetts. E’ qui chenascono le nuove realtà e le aziende crescono per diventare competitive a livello globale, come Buongiorno”.”Buongiorno ha scelto Shoreditch per stabilire la propria sede londinese due anni fa, perché crediamo nello sviluppo diquest’area, che sta diventando il centro di tutto quello che è nuovo, dinamico legato ai media digitali e quindi attiraanche incredibili talenti. Questa sede sta diventando l’hub dei nostri progetti di innovazione e di ricerca sui nuovibusiness a livello mondiale, poiché riconosciamo il potenziale di crescita di Londra per lo sviluppo del mobile internet –ha dichiarato Andrea Casalini, CEO di Buongiorno. Grazie a dieci anni di esperienza nell’ecosistema mobile, a un teamdi 1.000 professionisti, a rapporti diretti con più di 130 operatori di telecomunicazioni in 57 Paesi, l’azienda è in gradodi fornire la migliore esperienza di mobile Internet. In particolare, per la nostra sede londinese – che attualmente conta85 dipendenti – prevediamo di aumentare il numero dei professionisti di oltre il 50 per cento entro la fine dell’anno”.UK Trade & Investment ha creato la Tech City Investment Organisation, guidata da alcuni tra i principali imprenditorinell’area delle tecnologie, per stimolare la crescita e gli investimenti nella Tech City. Il settore ICT nel Regno Unito èuno tra i più dinamici nel mondo, e impiega oltre un milione di persone, contribuendo all’economia del Regno Unito peroltre 66,4 miliardi di sterline. Questo è uno dei motivi per cui il Governo Britannico investirà 200 milioni di sterline perTechnology and Innovation Centres nei prossimi quattro anni

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet