SERVIZI ITALIA: l’Assemblea straordinaria approva l’aumento di capitale


SORAGNA 1 FEBBRAIO L’Assemblea straordinaria di Servizi Italia, riunitasi in data odierna, ha attribuito al Consiglio diAmministrazione, ai sensi dell’art. 2443 del Codice Civile, la facoltà, per un periodo di cinqueanni dalla deliberazione, di aumentare il capitale sociale in opzione a pagamento e in viascindibile, in una o più volte, per un importo complessivo, comprensivo di eventualesovrapprezzo, di massimi Euro 45 milioni, eventualmente con abbinati warrant.Luciano Facchini, Amministratore Delegato di Servizi Italia, ha così dichiarato:“L’operazione di aumento di capitale intende creare le condizioni ottimali per perseguire lapolitica di crescita del gruppo annunciata in assemblea, che si basa su tre fondamentali lineeguida strategiche: l’espansione sui mercati esteri, il consolidamento della leadership sulmercato domestico e l’ottimizzazione della struttura interna. Con riferimento allo sviluppointernazionale, intendiamo cogliere le interessanti opportunità di M&A che stiamo valutando,insieme al nostro advisor Tamburi Investment Partners, in Paesi caratterizzati da un elevatopotenziale come Brasile, Russia, India, Cina e Medio Oriente. Sul fronte nazionale proseguonogli importanti progetti intrapresi, con l’avvio degli investimenti per la realizzazione della nuovacentrale di sterilizzazione per l’A.O.U. di Udine, mentre è in corso l’iter per l’ottenimento del nulla osta da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per il closingdell’acquisizione di Lavanderia Industriale ZBM. Relativamente all’ottimizzazione della strutturainterna, ciò avverrà principalmente attraverso la ricerca continua di sinergie e lariorganizzazione delle società del Gruppo. La nostra è una strategia imprenditoriale chiara,sfidante ma percorribile, che non si discosta da quelle passate ed è supportata da unmanagement motivato. All’odierna riunione assembleare hanno partecipato, tra gli altri,esprimendo parere favorevole gli azionisti Aurum, Kabouter Fund, Padana Emmedue e SanMichele”.L’azionista di controllo AURUM SpA (la Coopservice di Reggio Emilia) in possesso di n. 9.005.776 azioni della Società (pari al55,59% del capitale sociale), si è impegnato irrevocabilmente a sottoscrivere, di volta in volta,la propria quota di spettanza in relazione all’aumento di capitale, ove deliberato dai competentiorgani sociali, esercitando validamente il corrispondente numero di diritti di opzione ad essospettanti. L’Azionista AURUM SpA, inoltre, ha manifestato la propria disponibilità a garantire, intutto o in parte, l’eventuale inoptato, anche insieme ad altri soci o soggetti terzi eventualmenteinteressati, in misura da definirsi con la Società.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet