Poviglio, riapre il cantiere della Terramara Santa Rosa


REGGIO EMILIA, 21 LUG. 2009 – Lunedì 20 luglio si è ufficialmente aperta a Poviglio, nel Reggiano, la XXVI Campagna di Scavi al cantiere della Terramara Santa Rosa situata sulla Strada d’Este nella frazione di Fodico. Come ogni anno le attività di scavo e ricerca sono affidate alla direzione del professor Mauro Cremaschi dell’Università degli Studi di Milano e della dottoressa Maria Bernabò Brea della Sovrintendenza Archeologica. A sostenere e promuovere le attività della Terramara Santa Rosa sono un conglomerato consolidato nel tempo e composto da enti pubblici e privati: Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Sovrintendenza Archeologica dell’Emilia Romagna, Provincia di Reggio Emilia, Comune di Poviglio – Assessorato alla Cultura, Università degli Studi di Milano, C.N.R – I.D.P.A. e, non ultima, la Coopsette di Castelnuovo Sotto.VISITE GUIDATE AGLI SCAVIGli scavi – a cui prendono parte studenti e ricercatori delle Università degli Studi di Milano e Parma – si protrarranno fino al 14 agosto, mentre sono in programma anche delle visite guidate riservata ai cittadini interessati ad approfondire la conoscenza di un vero e proprio tesoro che vive a pochi passi da casa: quattro giornate tra luglio e agosto, una delle quali è riservata ai più piccoli.Gli adulti potranno visitare il sito archeologico il 28 luglio, il 4 e l’11 agosto dalle ore 17.00 guidati nel proprio percorso di conoscenza dal Professor Cremaschi in persona al quale si sostituirà la Dottoressa Angela Mutti nella visita al Museo della Terramara in via Parma, 1. L’appuntamento per i partecipanti è previsto presso la sede degli scavi in Strada d’Este, Podere Santa Rosa, località Fodico di Poviglio.Rigorosamente appannaggio dei più piccoli è invece il pomeriggio del 6 agosto per i quali la visita guidata si trasforma in “Un giorno in terramara” dove il confine tra attività ludiche e divulgative sarà davvero molto labile. E’ obbligatoria la prenotazione entro il 2 agosto alla Biblioteca Comunale (tel. 0522.960426).Filippo Ferrari, assessore alla Cultura del Comune di Poviglio, afferma che “le attività di scavo sul sito archeologico confermano ancora una volta l’importanza del progetto di partnership pubblico-privata legato alla Terramara Santa Rosa, un gioiello che negli anni abbiamo cercato di valorizzare non solo con gli scavi, ma con una serie di operazioni di divulgazione che hanno coinvolto in toto la popolazione povigliese, dai bambini della scuola dell’infanzia fino agli ospiti della Casa Protetta. Un percorso, quello fatto finora, di cui l’Amministrazione va molto fiera”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet