Pos obbligatorio, è rivolta


Con il primo gennaio è entrata in vigore la legge che rende obbligatorio l’accettazione del pagamento tramite Pos, carte di debito vale a dire bancomat, da parte di commercianti e professionisti. Si tratta del decreto del 18 ottobre del 2012 tramutato poi in legge lo stesso anno per facilitare ulteriori possibilità di pagamento e permettere una miglior tracciabilità ai fini fiscali.
Manca però il regolamento attuativo che decide eventuali importi minimi, modalità d’uso e sanzioni.
Preoccupate le associazioni di categoria. Secondo Licom e Cna, che chiedono una proroga, si tratta di un vero e proprio paradosso che rischia di travolgere anche i commercianti all’ingrosso, i produttori, gli agricoltori e gli ambulanti. Forti dubbi sono stati espressi anche dalle associazioni dei professionisti ricordando inoltre i costi aggiuntivi derivanti dall’uso del Pos, come spiega il presidente dell’ordine dei commercialisti Alessandro Clò.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet