Pmi, -7% di fatturato nel 2013


Fatturato a meno 7% e caduta a doppia cifra degli investimenti a meno 15,8 per cento. Il 2013 per le micro e piccole imprese emiliano romagnole finisce com’era cominciato: all’insegna dei segni meno. L’unica in controtendenza è Bologna. TrendEr, l’osservatorio congiunturale di Cna Emilia Romagna e Banche di Credito Cooperativo, fotografa un quadro ancora difficile, soprattutto per le costruzioni, l’alimentare e il sistema moda che nel secondo semestre dello scorso anno ha intaccato anche uno dei punti di forza dell’economia regionale: l’export, ancora in positivo ma in lieve calo. E un altro dei pochi segni più arriva dalle spese per retribuzioni. Le imprese vogliono investire, e Cna chiede alla politica di creare le condizioni per farglielo fare. Con riforme che mettano al centro il mercato del lavoro, riducano la pressione fiscale, i costi della burocrazia e favoriscano l’accesso al credito. Azioni più che mai necessarie, perchè anche il 2014 si annuncia un anno difficile.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet