Piano casa, Errani: “Attendiamo risposte dal Governo”


ROMA, 14 MAG. 2009 – Sul piano casa "stiamo valutando il decreto così come ci è stato presentato rispetto agli emendamenti che avevamo avanzato e attendiamo le risposte del governo". Lo ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, al termine della riunione convocata per esaminare il testo. Errani ha specificato che, tra i punti in cui le regioni insistono, c’è in particolare "il credito d’imposta del 55% a favore di privati che eseguono interventi di messa a norma antisismica". "Credo ci siano le condizioni per arrivare ad una intesa, stiamo attendendo risposte dal governo", ha aggiunto il presidente della Conferenza delle Regioni, mentre sono in corso contatti con esponenti del governo anche in vista della Conferenza Stato Regioni che si terrà questo pomeriggio. Riguardo al fatto che il piano casa sia in agenda nel Consiglio dei ministri di domani, Errani ha osservato: "non sono né ottimista né pessimista. Stiamo lavorando per verificare le condizioni di questa intesa. Per noi ci sono degli aspetti fondamentali e vedremo le risposte del governo". Tra gli altri punti su cui le regioni insistono, rispetto al piano casa, c’é "una conseguenza delle giuste scelte sulle norme antisismiche – ha proseguito Errani – e cioé la necessità di una deroga per quanto riguarda le assunzioni di personale per poter garantire controlli". In sostanza , sintetizza, servono "gli strumenti per far funzionare le norme antisismiche" ed è necessaria una "azione coerente con gli obiettivi che abbiamo proposto". Solo così secondo il governatore emiliano-romagnolo, si potrà garantire "un’iniziativa anti ciclica" capace di "portare nuove entrate allo Stato e di avviare una azione coerente per la messa in sicurezza delle abitazioni".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet